Aldo Grasso la tv che tonifica il documentario di Andrea Bettinetti Piero Manzoni, Artista prodotto da Sky Arte HD e Good Day Films

aldo grasso 3Se la tv ci tonifica grazie all’arte

«Non c’è nulla da dire: c’è solo da essere, c’è solo da vivere» (Piero Manzoni). Forse tutto dipende dalla suggestione di un bel documentario su Piero Manzoni, o forse no, ma insomma sarebbe stato bello vivere nella Milano degli anni 50, quando la città esprimeva una grande voglia di vivere, quando, per esempio, ai tavolini del Bar Jamaica, a due passi dall’Accademia di Brera, si trattenevano in lunghe discussioni scrittori e artisti, perdigiorno e avventurieri. Adesso, di quel tempo resta solo un pallido ricordo e un rimpianto vivido.
A cinquant’anni dalla sua prematura scomparsa, Piero Manzoni torna a darci un’idea di quel periodo attraverso un documentario di Andrea Bettinetti ,«Piero Manzoni, Artista», da prodotto da Sky Arte HD e Good Day Films.
6 febbraio 1963: ad appena trent’anni Manzoni viene trovato morto nello studio di via Fiori Chiari, stroncato da un infarto. Da quel momento in poi è la sua fama di personaggio provocatore e scapestrato ad affermarsi, insieme all’opera più dissacrante, la «Merda d’artista», che entra nella leggenda. Forse quel barattolo ha però finito per oscurare le altre tappe di una grandissima avventura estetica.
Realizzato attraverso testimonianze dirette di amici, familiari e artisti che l’hanno conosciuto e frequentato, il documentario (che Sky Arte, canale 130, sta trasmettendo in questi giorni) ricostruisce la personalità dell’uomo e insieme il suo denso percorso artistico: la serie degli «Achrome», che realizza durante tutta la sua carriera (sono quadri incolori dove la tela ricoperta prima da gesso e poi da caolino viene lasciata essiccare producendo variazioni nella superficie), «Linee» e «Corpi d’aria», la «Base del mondo». Ma Manzoni è soprattutto un intellettuale insofferente della tradizione. È tonificante quando la tv ci restituisce un po’ di questa insofferenza.
aldo Grasso da corriere.it

I commenti sono chiusi.