Aldo Grasso Quanto pesa in tv la forza dei politici Giandomenico Crapis Ha vinto la tv. Sessant’anni di politica e tv, da De Gasperi a Grillo (1954-2014)

giandomenico crapis Ha vinto la tv. Sessant’anni di politica e tv, da De Gasperi a Grillo  1954-2014Quanto pesa in tv la forza dei politici

«Quel che è ormai chiaro è che nella sfida tra politica e televisione, apertasi in fondo sin dalla nascita del mezzo, è quest’ultima che ha avuto la meglio. La politica necessita di processi complessi, a volte complicati, difficilmente riconducibili a binarie logiche conflittuali, bianco o nero, pro o contro; la tv ha invece tempi ristretti, processi veloci, vive di contrasti e di drammatizzazione fisica e verbale». Così Giandomenico Crapis nel suo ultimo libro, «Ha vinto la tv. Sessant’anni di politica e tv, da De Gasperi a Grillo (1954-2014)». Crapis è uno studioso di media, a lui si devono interessanti studi sul rapporto fra intellettuali e tv e sui rapporti fra la sinistra e il «piccolo schermo».
Davvero la tv ha vinto? Non c’ è dubbio. Sarebbe del resto assurdo che i politici non usassero il più potente dei mezzi di comunicazione, come, in altri tempi, si sono sempre serviti dei mezzi egemoni esistenti.
Però quello fra politica e tv è un ruolo fortemente contradditorio (in Italia fortemente anomalo, da quando il proprietario di Mediaset è «sceso in campo»). Quando in Italia la Lega, sconosciuta ai più, vinse si disse che aveva vinto perché non aveva fatto uso della tv. Quando Silvio Berlusconi scese in campo e vinse e poi rivinse si disse che aveva vinto solo grazie alle sue tv. Nelle ultime elezioni europee si è molto discusso della partecipazione di Grillo a «Porta a porta», il salotto del moderatismo catodico italiano.
I dibattiti politici non portano voti, o ne portano pochi. È opinione consolidata che la presenza in video dei politici colpisca solo una fascia marginale di audience. Però è opinione altrettanto condivisa che la formazione dei convincimenti avvenga in tv attraverso programmi che non parlano direttamente di politica. È una specie di impulso che si manifesta sottopelle, attraverso la messa in scena della quotidianità. Una buona ragione per leggere il libro di Crapis.

di Aldo Grasso corriere.it

I commenti sono chiusi.