Antonio senzatetto di 45 anni morto el dormitorio di Lecco

ambulanza croce azzurraMorto a 45 anni nel dormitorio Caritas
Un senzatetto bergamasco ospite da circa un anno nella struttura di Lecco

È morto per un malore nel suo letto del dormitorio invernale della Caritas, pare per un arresto cardiaco, un senzatetto 45enne bergamasco. Antonio, questo il suo nome, tutte le sere si recava nella struttura di via San Nicolò 7 a Lecco, per non dover passare le fredde notti sulla strada. Proprio nel suo letto, ormai senza vita, è stato trovato stamane dai responsabili dell’alloggio intorno alle 7. Inutile l’immediato intervento dei medici del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Poche, al momento, le notizie sulla vittima. Stando a notizie di stampa, Antonio era originario di Bergamo e da parecchi anni era senza fissa dimora, pur avendo madre e cugini ai quali avrebbe potuto appoggiarsi. Nel suo spostarsi di città in città, era riuscito ad ottenere la residenza a Villa di Tirano, mentre a Lecco era il primo inverno che soggiornava e che usufruiva del rifugio notturno. I volontari dell’ente pastorale lo descrivono come una persona che andava d’accordo con tutti, non litigava mai e non ha mai dato problemi a nessuno. Avvisato dell’accaduto, si è recato al dormitorio don Ettore Dubini, responsabile della Caritas Zonale, che ha benedetto la salma del 45enne e insieme ai presenti ha recitato una preghiera per lui: “Antonio era felice di stare qui – riporta il sito Lecconotizie, citando il religioso  – arrivava tutte le sere da quando abbiamo aperto il rifugio e riscuoteva simpatia da parte di tutti gli altri ospiti. E’ sempre una disgrazia morire così, ma perlomeno possiamo dire che un uomo che ha vissuto sulla strada, nel suo ultimo viaggio, è morto in un letto caldo, in compagnia di amici”.

da giornaledibergamo.com

I commenti sono chiusi.