Aosta è morto a 92 anni il pittore Francesco Nex

francesco nexE’ morto il pittore Francesco Nex
Aveva 92 anni. Messaggio di Rollandin su Twitter

AOSTA. La scorsa notte, all’età di 92 anni, è morto il pittore valdostano Francesco Nex. Era ricoverato all’ospedale regionale Parini di Aosta a seguito di una caduta avvenuta nei giorni scorsi nella sua casa di Fénis.

Pittore e ceramista, le sue opere hanno riscosso interesse anche al di fuori della Valle d’Aosta. Le creazioni di Nex sono state presenti anche alla 54/a Biennale di Venezia ed alla mostra “Regioni e Testimonianze d’Italia 1861-2011. L’Unità dell’arte Italiana nella diversità delle Regioni”, allestita al Vittoriano di Roma. La sua ultima grande retrospettiva era stata organizzata al museo Archeologico di Aosta nel 2004.

“Ricordiamo il maestro Nex Pittore con reverenza e ossequio, uniti intorno alla famiglia e al suo amore verso la Valle” è il messaggio di cordoglio inviato via Twitter dal presidente della Regione, Augusto Rollandin.

da aostaoggi.it

Addio al pittore Francesco Nex
Portò l’allegoria umana sulla seta
Da qualche giorno era ricoverato ad Aosta per i postumi di una caduta.
Aveva 92 anni. Tra le sue opere più note i coloratissimi “racconti figurati”

Francesco Nex aveva 92 anni. Da qualche anno aveva abbandonato l’attività a causa di un problema alla vista

Nelle prime ore del Natale 2013 è morto il grande pittore valdostano Francesco Nex. Aveva 92 anni e da qualche giorno era ricoverato all’Ospedale Parini di Aosta per i postumi di una caduta avvenuta recentemente a casa sua, in Frazione Miseregne di Fenis, nel corso della mostra di alcune opere della sua collezione, che la famiglia aveva voluto vendere per realizzare l’ultimo sogno dell’artista valdostano: quello di vedere completata la ristrutturazione del piccolo villaggio che sta dietro la sua casa.

Nato a Mattão, in Brasile, il 6 luglio 1921, Nex ha saputo ottenere eccellenti risultati con ogni tipo di materiale: dalla ceramica al rame, dal cuoio al ferro. Le maggiori soddisfazioni gli sono, però, arrivate dai coloratissimi “racconti figurati” su seta, allegoria della commedia umana, ambientati in un’atmosfera quasi stupefatta a metà tra favola e realtà.

La sua ultima grande mostra retrospettiva, organizzata dall’amministrazione regionale, si era svolta al Museo Archeologico di Aosta tra il dicembre 2004 ed il maggio 2005. Poco dopo l’inaugurazione si era, purtroppo, manifestata una maculopatia degenerativa che, facendogli perdere la vista, aveva costretto Nex ad interrompere l’attività.
GAETANO LO PRESTI da lastampa.it

I commenti sono chiusi.