Arrestato ex sindaco Cassano d’Adda Edoardo Sala per presunte tangenti

Tangenti e urbanistica, arrestato  l’ex sindaco di Cassano D’Adda
Assieme a Edoardo Sala sono finiti in manette un ex assessore e un ex consigliere comunale
Altre due persone ai domiciliari. L’accusa: mazzette per ottenere modifiche al piano urbanistico

Un giro di tangenti per ottenere modifiche del piano urbanistico di Cassano D’Adda, in provincia di Milano. Con l’accusa di aver ottenuto mazzette è stato arrestato l’ex sindaco pdl Edoardo Sala, che si era dimesso qualche mese fa. Con lui sono finiti in manette anche l’assessore Alessandro Casati e l’ex consigliere comunale Paolo Casati. L’operazione degli uomini del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Milano è scattata questa mattina.

I tre sono finiti in carcere e altre due persone sono agli arresti domiciliari: si tratta del commercialista Pierluigi Amati (cugino dell’ex sindaco Sala) e dell’architetto Michele Ugliola. Le ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite nell’ambito di un’inchiesta del procuratore aggiunto milanese Alfredo Robledo che riguarda un giro di mazzette per ottenere modifiche al piano urbanistico. Sala, eletto con una lista civica di centrodestra, dopo le perquisizioni dello scorso dicembre e la sua iscrizione nel registro degli indagati, aveva rimesso l’incarico alla fine dell’anno scorso.

L’attività investigativa riguarda la ricostruzione di alcune procedure amministrative relative a interventi di carattere urbanistico. Secondo l’ipotesi sarebbero state corrisposte, o promesse, somme di denaro per pilotare specifiche varianti al piano regolatore generale tuttora vigente o per impostare, secondo determinati criteri, il piano del governo del territorio ancora in fase di elaborazione. Sala ha assunto la carica pubblica “al solo scopo di arricchimento personale, senza alcuna sensibilità verso le responsabilità e i doveri connessi alla carica di primo cittadino”, scrive il gip Gaetano Brusa nella richiesta di custodia cautelare.

da  repubblica.it

I commenti sono chiusi.