Azouz Marzouk si è risposato

azouzNOZZE A TUNISI CON MICHELA
AZOUZ, ERBA È UN RICORDO
Azouz Marzouk si è risposato, il 18 giugno, in Tunisia. La moglie, Michela Lovo, l’aveva conosciuta in un bar di Lecco, un anno fa. Gente pubblica in esclusiva le foto della cerimonia e riporta le dichiarazioni della sposina. “Me lo sono venuta a riprendere – racconta Michela – Sono pronta a seguirlo ovunque. Voglio una vita normale, una famiglia, dei figli. Vorremmo un maschio e ovviamente lo chiameremo Youssef”. Proprio come il figlio che Azouz ha perso, insieme alla moglie Raffaella, nella strage di Erba, il 21 dicembre 2006.
Dopo il matrimonio davanti a un notaio del Comune di Zaghouan, 50 chilometri a sud della Capitale, Azouz e Michela per la legge tunisina sono marito e moglie. Non ancora quella italiana, almeno finché il matrimonio non verrà registrato. Le nozze potrebbero accelerare la procedura per la richiesta della cittadinanza italiana per Azouz, che in questo momento è colpito da decreto di espulsione in quanto «soggetto socialmente pericoloso». L’espulsione è stata decisa il 29 maggio dal gup dopo una condanna per droga, e resa definitiva dalla Cassazione. Marzouk aveva patteggiato a settembre del 2008 una condanna a 13 mesi di reclusione per 360 episodi di spaccio di stupefacenti. Il patteggiamento prevedeva anche la pena accessoria dell’espulsione in quanto la sentenza del 2008 si è cumulata con una precedente pena inflitta a Marzouk nel 2005, sempre per droga.

QUATTRO MORTI NEL 2006 La tragica notte di Erba risale all’11 dicembre 2006. Nella strage, compiuta nell’appartamento di una corte ristrutturata nel centro della cittadina, furono uccisi a colpi di coltello e spranghe Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk di due anni, la nonna del bambino Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini. Suo marito Mario Frigerio, presente sul luogo, si salvò perché creduto morto. Dopo la strage, l’appartamento fu incendiato. Il 26 novembre 2008, la Corte d’Assise di Como ha condannato i coniugi Olindo Romano e Angela Rosa Bazzi all’ergastolo con isolamento diurno per tre anni, ritenendoli responsabili della strage.
da leggo.it

I commenti sono chiusi.