Bologna Bari 0 a 4 Huselklepp e tripletta di Grandolfo video

Grandolfo scrive la storia nel poker Bari

Nell’ultima giornata di campionato il Bari   vince con un eloquente 4-0 sul campo del Bologna. Francesco Grandolfo, all’esordio dal primo minuto, mette a segno una storica tripletta su doppio assist di Huseklepp che cala il poker nel finale.

Bologna-Bari non aveva più nulla da dire a questo campionato ma fa scoprire al grande pubblico un talento che risponde al nome di Francesco Grandolfo: faccia da bravo ragazzo, che venerdì ha passato a pieni voti l’esame della sua prima conferenza stampa, e domenica, nell’esordio dal primo minuto, firma una storica tripletta nell’inatteso 4-0 del Bari sul campo del Bologna.
ASSENZE NUMEROSE DA AMBO LE PARTI – Negli emiliani Malesani deve rinunciare agli squalificati Ramirez e Britos, e agli indisponibili Garics, Montelongo e Buscè. Ekdal rientra dallo stop del Giudice Sportive e si riprende il suo posto a centrocampo dietro al tridente Paponi-Di Vaio-Siligardi. Sponda barese, Mutti non può schierare gli squalificati Parisi e Glik, e deve fare i conti con una lunghissima lista di infortunati tra cui Kutuzov, Okaka, Castillo, Barreto, Rossi e S. Masiello. Nel 4-3-1-2 Grandolfo fa coppia in attacco con Huseklepp.
INIZIA LO SHOW DI GRANDOLFO – Proprio il 26enne attaccante norvegese regala il primo lampo della gara con un destro che non inquadra la porta. Centra il bersaglio dalla parte opposta Di Vaio che però incontra l’opposizione di Gillet. Al 20′ il portiere del Bari è emulato dal collega Viviano, abilissimo a respingere la sassata ravvicinata di Bentivoglio. Ma gli ospiti premono e al 28′ vanno in vantaggio con il giovanissimo Grandolfo che realizza con un piattone sull’assist al bacio di Huseklepp.
STORICA TRIPLETTA DEL CLASSE 1992 – Il Bari perde per infortunio Belmonte (lo rimpiazza Galasso) ma a inizio ripresa raddoppia ancora con l’attaccante classe 1992 che rende magica la sua domenica con un colpo da biliardo che non lascia scampo a Viviano. E non contento, il giovane attaccante di Castellana, fresco di un triennale con il Bari, firma pure il terzo gol grazie all’ennesima discesa sulla fascia di Huseklepp e alla complicità della distratta difesa avversaria.
STANDING OVATION E SIGILLO DI HUSEKLEPP – A venti minuti dalla fine Bortolo Mutti regala la meirtatissima standing ovation a Grandolfo che riceve scroscianti applausi anche dai tifosi rossoblu: splendido l’abbraccio a bordo campo con il tecnico e – uno ad uno – con i compagni. Huseklepp decide poi che è ora di entrare nel tabellino dei marcatori e castiga Viviano. Nel finale c’è tempo solo per lo splendido palo di Di Vaio su cui è provvidenziale il volo di Gillet. Al triplice fischio Malesani e Grandolfo vanno a salutare le rispettive tifoserie. Il Bologna festeggia la permanenza in Serie A, mentre il Bari scopre una nuova stella.
Eurosport

I commenti sono chiusi.