Brasile vince Confederation Cup

brasile usaTERZA LA SPAGNA CHE HA BATTUTO AI SUPPLEMENTARI IL SUDAFRICA PADRONE DI CASA
Confederations Cup, vince il Brasile
Il sogno americano dura solo un tempo
Gli Usa chiudono la prima metà di gara in vantaggio di 2 gol. Nella ripresa la rimonta e il sorpasso della Seleçao

JOHANNESBURG – Il sogno americano dura solo un tempo. Poi il Brasile riaggancia e sorpassa i campioni del Nord America aggiudicandosi, in una finale ribaltata nella ripresa, il trofeo della Confederations Cup. All’Ellis Park Stadium di Johannesburg finisce 3-2. Agli Stati Uniti resta l’amaro in bocca per non aver saputo difendere il vantaggio netto acquisito nella prima metà di gara. I campioni sudamericani possono godersi invece la gioia di questo titolo ottenuto con una spettacolare rimonta e guardare a testa alta ai Mondiali del 2010.

RIMONTA E SORPASSO – Nel primo tempo gli undici di Bradley danno il meglio: segna Dempsey al decimo e Donovan dopo 17 minuti. Ma la gara è solo a metà ed è ancora tutta da scrivere. Nella ripresa la Seleçao ci crede e risorge. A Luis Fabiano basta un minuto per segnare il gol della speranza. Al 28esimo della ripresa il 2-2, sempre a firma di Luis Fabiano. Il 39esimo il sogno del sorpasso diventa realtà grazie a una rete di Lucio.

PREGHIERE E PREMI – Come a Yokohama nel 2002, subito dopo aver vinto il Mondiale, tutti i giocatori della nazionale brasiliana, lo staff tecnico e medico, perfino l’addetto stampa Rodrigo Paiva, si sono inginocchiati, al termine della finale a Johannesburg, e hanno pregato. Kakà ha sfoggiato la solita maglietta (stavolta però con il simbolo del suo sponsor tecnico personale) con la scritta «I belong to Jesus» (appartengo a Gesù), idem per Luis Fabiano. Anche altri giocatori avevano una t-shirt, con la scritta «I love Jesus». Pianto liberatorio per il capitano Lucio, autore del gol decisivo. L’ex attaccante del Milan Ricardo Kakà ha anche ricevuto il premio come miglior giocatore della Confederations Cup edizione 2009. Premio come miglior portiere allo statunitense Tim Howard, miglior cannoniere il brasiliano Luis Fabiano.

TERZA LA SPAGNA – Per il Brasile è la terza vittoria del trofeo, già conquistato nel 1997 e nel 2005. Al terzo posto, la Spagna che ha sconfitto 3-2 il Sudafrica al termine dei tempi supplementari. Nella finale per il terzo e quarto posto il Sudafrica padrone di casa ko ai supplementari contro la Spagna. I campioni d’Europa pareggiano all’88esimo minuto e vincono 3 a 2 nei supplementari
corriere.it

I commenti sono chiusi.