Caltagirone un giovane mascherato getta acido in piazza su una band che suona e sugli spettatori

Acido sugli avventori di un pub
sedici ustionati a Caltagirone
Cinque feriti sono stati ricoverati, uno rischia di perdere un occhio. L’autore del gesto si è dileguato

CATANIA – Sedici feriti, di cui cinque ricoverati in ospedale sfregiati dall’acido. È il bilancio del folle gesto di un giovane che ieri sera al Tondo Vecchio, centralissima piazza di Caltagirone, intorno alle 22, ha lanciato dell’acido addosso a una band che suonava all’aperto e alle decine di persone che assistevano alla performance. Secondo quanto riferiscono i testimoni, l’uomo, che indossava pantaloncini corti e una bandana sul viso, avrebbe lanciato l’acido con una bottiglia dalla balconata che si trova alle spalle e in una posizione più rialzata rispetto al piccolo anfiteatro dove il gruppo si stava esibendo. Quindi è riuscito a dileguarsi prima dell’arrivo della polizia, scappando tra i vicoli. Ancora poco chiare le cause del gesto. La polizia non esclude nessuna pista. Bersaglio del folle potrebbe essere stato proprio il gruppo musicale o i titolari dei locali che hanno organizzato la serata. “Ci sembra difficile che un fatto così grave nasca dall’esasperazione per un po’ di musica”, sottolineano gli inquirenti.

“All’inizio sembrava uno scherzo – racconta Giacomo Febbraio, titolare del ristorante Tondo Vecchio, proprio di fronte all’anfiteatro dove si stava esibendo la band – tutti hanno cominciato ad urlare, ma poi abbiamo visto alcuni ragazzi prendere le bottiglie d’acqua dai tavoli a gettarsela addosso, perché stavano malissimo”. Molte persone colpite dall’acido in un primo momento hanno avuto l’impressione che si trattasse di acqua. Ma presto il bruciore si è fatto insopportabile e tanti ragazzi sono stati costretti a spogliarsi. Secondo quanto riferiscono gli esercenti dei locali di via Roma, negli ultimi giorni non c’era stato nessun problema relativo alla movida serale. “Nessuna polemica, né lamentele dei vicini –  continua Febbraio – ieri era la prima sera di musica live all’aperto”.

Sono sedici in totale le persone che si sono avvalse delle cure del pronto soccorso dell’ospedale di Caltagirone. Cinque sono state ricoverate. Il più grave è un giovane rimasto sfregiato sul volto che rischia di perdere l’uso di un occhio. “Le conseguenze – sostengono gli inquirenti – potevano essere più gravi. Fortunatamente la sostanza caustica, acido muriatico o solforico, è caduta a pioggia in minima quantità”. Il sindaco di Caltagirone, Nicola Bonanno, promette “misure severe per tutelare la cittadinanza”, mentre la magistratura ha avviato un indagine ipotizzando il reato di lesioni aggravate.

di SALVO CATALANO da repubblica.it

I commenti sono chiusi.