Caroline Wimmer morta strangolata: foto del cadavere sul profilo del patologo, genitori denunciano Facebook

Muore strangolata: mettono le foto del cadavere su Facebook
E i genitori della vittima chiedono i danni al social network.

Tommaso Caldarelli

Si tratta, per i genitori di Caroline Wimmer, di una questione di decenza minima. Di banale rispetto dei diritti umani. Anche in un non-luogo come Facebook, alcune regole minimali dovrebbero venir rispettate, nonostante la virtualità. Nonostante lo scudo della rete che ci occulta. Per esempio, il rispetto della morte, e della morte di un nostro caro. Se questa garanzia minima viene violata, qualcuno deve risponderne.

Questo è il sunto della storia che sta venendo presentata ad un giudice di New York. Una giovane viene ritrovata morta strangolata; un paramedico scatta alcune foto del ritrovamento e le carica su Facebook: la famiglia della vittima, allora, chiede i danni al social network, che dovrebbe essere in questo modo ritenuto responsabile dei contenuti che gli utenti caricano sulle pagine.

“Sono arrabbiata e traumatizzata per tutta questa vicenda”, ha detto Marti Wimmer ai giornalisti fuori dal Tribunale, il secondo anniversario della morte della figlia. “Non sono ancora riuscita a stare bene; Mark Musarella (l’infermiere che ha scattato la foto, ndt) ha avuto solo 200 ore di servizio comunitario, mentre la foto di mia figlia è da qualche parte su Internet e nessuno me la potrà riportare”, ha detto.

I questuanti chiedono ora che Facebook provveda in maniera attiva.

I richiedenti vogliono che Facebook rimuova l’immagine, identifichi chi l’ha visionata e scaricata e distrugga ogni immagine reperibile in suo possesso. La domanda giudiziale chiede inoltre che la corte ordini a Facebook di cooperare con le vittime in futuro.

da GIORNALETTISMO.COM

I commenti sono chiusi.