Carpineti, morto l’ex sindaco Tonino Comi di 76 anni

tonino comiCarpineti, morto l’ex sindaco Tonino Comi: aveva 76 anni

Aveva guidato il paese dal 1995 al 2004. Domani i funerali. Nilde Montemerli: “E’ una perdita enorme”

CARPINETI (Reggio Emilia) – Tutta Carpineti è in lutto per la scomparsa di Tonino Comi, sindaco del paese tra il 1995 e il 2004. L’ex primo cittadino, 76 anni, è morto ieri sera all’ospedale di Castelnovo Monti, dov’era ricoverato per l’aggravarsi della malattia che lo aveva colpito negli ultimi mesi. Comi ha vissuto una vita intera a Carpineti, fino a guidare il paese a capo di una coalizione di centro-sinistra, dopo un mandato come assessore a inizio anni Novanta. Lascia la moglie Luisa Benassi, la figlia Paola, il genero Sandrino, le nipoti Giorgia e Federico e tanti parenti. Il funerale si terrà nel pomeriggio di domenica 2 marzo, con partenza alle 14 dalla camera ardente dell’ospedale di Castelnovo Monti. Da lì si raggiungerà la chiesa carpinetana e al termine il corteo raggiungerà il cimitero di San Donnino.
A ricordare Comi è Nilde Montemerli, prese il posto di Tonino nel 2004 dopo averlo affiancato nei due mandati precedenti, prima come assessore e poi come vicesindaco: “È una perdita enorme per tutto il paese, e per me in particolare. Il sorriso, la bontà, la capacità di mediare e di pacificare ogni discussione di Tonino ne hanno fatto una persona amata e stimata, una persona generosa che ha dato tanto per questo paese e che tutti conoscevano e rispettavano – racconta – L’aspetto umano, con Tonino, viene sempre prima di ogni cosa, ed è giusto così. Ma voglio ricordare anche l’amministratore pubblico: la sua capacità di mediare ha dato tanto al Comune, e lo stesso le sue intuizioni. È grazie a Tonino Comi se la fiera di San Vitale, il principale evento estivo del nostro territorio e una tradizione secolare, si è rilanciata e ha trovato nuove formule e nuova capacità attrattiva. Fra le altre opere, ci terrei a ricordare il centro culturale Natale Caroli, un riferimento per le attività culturali carpinetane, e la messa a nuovo degli impianti sportivi per il calcio, con la creazione di un complesso di altissimo livello come confermato dalle tante manifestazioni che ospita, e dal fatto che il Sassuolo, da cinque anni, lo sceglie come ritiro estivo. Tutto questo è merito di Tonino. E quando penseremo a questo cammino, penseremo a lui, al suo sorriso aperto, alla sua sua simpatia e alla sua generosità. Eri una bella persona, Tonino. Mi mancherai, ci mancherai. Riposa in pace”.

da reggionline.com

I commenti sono chiusi.