Cengio è morto a soli 44 anni Fabrizio Conti macellaio alla Cooperativa dei lavoratori di Millesimo.

fabrizio contiCengio, è morto a 44 anni
il macellaio Fabrizio Conti
Era dipendente della Cooperativa lavoratori, oggi i funerali nella chiesa di S. Barbara (ore 15)

E’ morto ieri, all’ospedale San Paolo di Savona, dopo una grave malattia, Fabrizio Conti, 44 anni di Cengio, molto conosciuto non solo in paese ma anche in tutta la Val Bormida per il suo lavoro di macellaio, che svolgeva, nell’ultimo periodo, alla Cooperativa dei lavoratori di Millesimo.
Originario di Cairo, dove aveva aveva frequentato le scuole e dove ancora oggi aveva moltissimi amici, Conti aveva intrapreso giovanissimo la sua professione: descritto da tutti come persona gioviale, sempre disponibile verso gli altri, sia sul lavoro che nel privato, aveva iniziato a lavorare a Cairo, nel supermercato Iper Alicom, per poi spostarsi appunto alla Cooperativa dei lavoratori, prima nella sede di Cengio e, quindi, in quella di Millesimo.
Una scelta seguita anche al matrimonio, nel 2006, dopo il quale si era spostato con la moglie Silvia a vivere da Cairo a Cengio, paese dove la notizia della sua scomparsa è stata accolta ieri con grandissima commozione, e dove già dalle prime ore dopo la scomparsa sono moltissimi coloro che lo ricordano, a partire proprio dai molti colleghi di lavoro, anche con decine di dediche e messaggi su Facebook.
«Ci eravamo visti qualche giorno fa, e come sempre non ti sei lamentato – ha scritto, nel suo accorato ricordo, uno degli amici -. Sei stato forte fino alla fine. Hai combattuto come un leone, potrei star qua a scrivere pagine e pagine parlando di te. Voglio ricordarti così, con il sorriso, con la voglia che avevi di vivere. Non ti dimenticherò mai».
Grande appassionato di musica rock, cinema e fumetti, Conti è ricordato da molti anche come un ottimo giocatore di ping pong.
I funerali di Fabrizio Conti, che oltre alla moglie Silvia lascia anche il fratello Fausto, direttore della biblioteca civica «Barrili» di Carcare, si svolgeranno oggi alle 15 a Cengio, nella chiesa di Santa Barbara, da dove poi il feretro proseguirà per il cimitero di Roccavignale, dove è prevista la tumulazione nella tomba di famiglia.

LUCA MARAGLIANO da lastampa.it