Chrysler rimborsa il prestito al governo Obama plaude una pietra miliare con sei anni di anticipo

“Con sei anni d’anticipo: una pietra miliare”, afferma il presidente.
Chrysler rimborsa il prestito, Obama plaude

Chrysler ha rimborsato tutto il prestito da 7,6 miliardi di dollari, compresi gli interessi, ai governi americano e canadese. Fiat salita al 46% dell’azienda americana. Marchione: “Abbiamo mantenuto la promessa”.

Il presidenete americano Barack Obama plaude al rimborso di Chrysler, avvenuto con sei anni di anticipo: “e’ una pietra miliare”. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney.
Il prestito
Chrysler ha rimborsato tutto il prestito da 7,6 miliardi (RPT miliardi) di dollari, compresi gli interessi, ai governi Usa e canadese. Lo ha annunciato la casa di Detroit, in una nota. Il debito era di 5,9 miliardi di dollari con il governo americano e di 1,7 miliardi con quello canadese.
Marchionne
Meno di due anni fa abbiamo preso l’impegno a ripagare completamente i contribuenti statunitensi e canadesi e abbiamo mantenuto la promessa”. Lo dice Sergio Marchionne nella nota in cui la Chrysler annuncia il rimborso del debito ai governi Usa e canadese. “I prestiti – aggiunge Marchionne – hanno dato l’opportunita’ ai dipendenti della societa’ di sottolineare la loro valenza e abbiamo un debito di gratitudine verso coloro che hanno permesso al gruppo Chrysler di ritornare ad essere un costruttore forte”.
Acquisti in Usa
Fiat ha perfezionato l’esercizio dell’opzione per l’acquisto di un’ulteriore partecipazione 16% in Chrysler ed e’ salita al 46%. Lo annuncia il Lingotto in una nota.

da rainews24.it

I commenti sono chiusi.