il ritorno del Commodore 64

commodore-64MA APPLE NON HA APPROVATO L’APPLICAZIONE PER L’IPHONE
Il ritorno del Commodore 64
In rete il tam tam per far rinascere giochi e atmosfere anni Ottanta del computer più venduto della storia

Un Commodore 64 MILANO – «In retro we trust», nel passato noi ci crediamo: è accompagnata da questo motto la notizia che forse tornerà nei negozi una versione mobile del Commodore 64. Per chi è cresciuto negli anni Ottanta, il Commodore 64 (evoluzione del Vic-20) è uno di quei ricordi indelebili, il primo vero computer a entrare nelle case di tutto il mondo. Basti pensare che su Facebook ci sono oltre 200 voci, corrispondenti a gruppi creati dagli utenti, dedicate al mitico computer che vanta, tra l’altro, una segnalazione nel Guinness dei primati per il Pc più venduto al mondo: 17 milioni di macchine comprate globalmente fino al ritiro dal mercato nel 1993.

IL NUOVO COMMODORE – A riproporre le emozioni del Commodore è una start-up di Phoenix, la Monomio, produttrice di applicazioni per iPhone. E non a caso l’azienda sceglie di far rivivere il C64 proprio su smartphone: ha creato un emulatore del mitico computer per giocare e ne ha fatto un software da caricare sui telefonini più evoluti. L’applicazione è stata posta al vaglio di Apple stessa, procedura d’ufficio da seguire quando si parla di iPhone, ma per il momento non ha superato la prova, poiché l’emulatore violerebbe una delle (molte) regole imposte a chi sottopone software per il cellulare di Steve Jobs. In particolare, non andrebbe d’accordo con la norma che cerca di bloccare i contributi di altre grandi aziende che si farebbero pubblicità mettendo su iPhone i loro prodotti. Anche se, obietta Monomio, nel caso di Commodore difficilmente si può parlare di concorrenza di una grande dell’hi-tech: semmai si tratta di un amarcord, anche piuttosto innocuo.

SIMULAZIONI – Niente a che fare con il vecchio schermo del C64 a 16 colori, la scheda audio e le musiche originali, il joystick antidiluviano e il mangianastri per far girare i giochi sul Pc (con molta pazienza, visto che i tempi di attesa si aggiravano spesso intorno ai 15 minuti per iniziare a giocare). Il nuovo Commodore rivive tutto sulla tastiera dello smartphone più quotato. Per ora, visto il veto di Apple, ci si può accontentare solo di vedere il video con il C64 in azione, e ancor meglio, si può aiutare Monomio a far cambiare idea a Apple, aggiungendo la propria voce al grande e rumoroso tam tam che sta crescendo in questi giorni in rete. E se con iPhone non funzionerà, dicono dalla start-up Usa che presto rivedremo il Commodore su un altro cellulare.

Eva Perasso corriere.it

I commenti sono chiusi.