Contador vince Giro di Italia 2011 Millar l’ultima cronometro

Giro d’Italia – Vince Millar e Contador festeggia

Nell’ultima tappa Vincenzo Nibali manca il sorpasso a Michele Scarponi, che resta secondo in classifica generale. La cronometro di Milano va a David Millar davanti a Alex Rasmussen e alla maglia rosa. Secondo trionfo italiano per il corridore della Saxo Bank. FOTO AP/LA PRESSE

Una cronometro di 26 chilometri non poteva partorire un ribaltone nel Giro d’Italia più deciso degli ultimi anni. Ma non ha nemmeno portato il sorpasso di Vincenzo Nibali, che non è riuscito a migliorare il terzo posto dell’anno scorso chiudendo ancora sul gradino più basso del podio. Davanti a lui c’è un monumentale Michele Scarponi, che nella Rho-Milano perde soltanto dieci secondi. E ovviamente Alberto Contador, capace di sigillare il secondo trionfo in rosa con il terzo posto sul traguardo del Duomo. E ben 6’10” di vantaggio su Scarponi stesso.
VINCE MILLAR, SECONDO RASMUSSEN – Per la cronaca, a vincere l’ultima tappa del Giro d’Italia del “centocinquantenario” è David Millar (Garmin-Cervelo). Che chiude una cronometro splendida con un tempo di 30’13”. Dietro di lui c’è Alex Rasmussen (HTC-Highroad), staccato di soli sette secondi. Il terzo posto sarebbe di Richie Porte, se non ci fosse il solito Contador, che non molla nemmeno l’ultima tappa e si piazza terzo con 36” di distacco. Se avesse voluto fare sul serio avrebbe vinto, statene certi. La delusione è invece tutta di Nibali, che era troppo stanco per superare Scarponi e ha finito per recuperare soltanto dieci secondi al connazionale. Nei primi dieci posti si confermano tutti tranne Nieve, che perde il decimo posto a favore di Sivtsov. Rujano, invece, lascia il sesto posto a Kreuziger e scende al settimo.
CONTADOR CHIUDE IN LACRIME – Incredibile ma vero, anche i marziani si commuovono. È accaduto al traguardo, dove il vincitore del Giro d’Italia ha chiuso con una lacrimuccia. “È stato incredibile – ha detto al termine della corsa -. Sono molto emozionato, è stato tutto perfetto. Vincere qui e in questo modo è un finale da sogno. Il risultato è stato incredibile e l’abbiamo meritato come squadra. Non mi emoziono facilmente, però questa volta qualche lacrima c’è”.
SCARPONI SODDISFATTO – “E’ stato un gran bel Giro – dice il secondo in classifica – io e Vincenzo abbiamo combattuto sino all’ultima tappa e quindi siamo soddisfatti entrambi. Dopo l’Etna ho accusato un po’ il colpo e ho corso come potevo. Contador ha dimostrato subito di essere il migliore e non è stato facile attaccarlo. Il secondo posto è una grande soddisfazione, in una grande annata. Sono venuto qui sperando di vincere ma ho incontrato il più forte di tutti. E sono arrivato secondo”.
NIBALI AGRODOLCE – Non è rammaricato più di tanto il terzo in classifica, come se anche lui si fosse messo il cuore in pace prima dell’ultima partenza. “Non è andata malissimo – ha dichiarato al traguardo -. Sono contento perché in dodici mesi ho centrato tre podi, comprendendo la vittoria della Vuelta. È stato uno scontro bellissimo con Scarponi. Un anno fa l’ho battuto io, questa volta ha vinto lui. Ho avuto soltanto due giornate storte, quella di sabato e quella del Gardeccia. Ho 26 e posso ancora migliorare. Non so qual è il mio limite. Ha vinto il Contador più forte di sempre, questo Giro è stato utile soltanto per capire cosa ho sbagliato”.
L’ORDINE D’ARRIVO DELL’ULTIMA TAPPA:
1 David Millar (GBr) Team Garmin-Cervelo 0:30:13
2 Alex Rasmussen (Dan) HTC-Highroad 0:00:07
3 Alberto Contador Velasco (Spa) Saxo Bank Sungard 0:00:36
4 Richie Porte (Aus) Saxo Bank Sungard 0:00:43
5 Yaroslav Popovych (Ucr) Team RadioShack 0:00:55
6 Jos Van Emden (Ola) Rabobank Cycling Team 0:01:02
7 Cameron Meyer (Aus) Team Garmin-Cervelo 0:01:04
8 Patrick Gretsch (Ger) HTC-Highroad 0:01:08
9 Tiago Machado (Por) Team RadioShack 0:01:12
10  Kanstantsin Sivtsov (Blr) HTC-Highroad 0:01:16
LA CLASSIFICA FINALE:
1 Alberto Contador Velasco (Spa) Saxo Bank Sungard 84:05:14
2 Michele Scarponi (Ita) Lampre – ISD 6:10
3 Vincenzo Nibali (Ita) Liquigas-Cannondale 6:56
4 John Gadret (Fra) AG2R La Mondiale 10:04
5 Joaquím Rodríguez Oliver (Spa) Katusha Team 11:05
6 Roman Kreuziger (Cec) Pro Team Astana 11:28
7 José Rujano Guillen (Ven) Androni Giocattoli 12:12
8 Denis Menchov (Rus) Geox-TMC 12:18
9 Steven Kruijswijk (Ola) Rabobank Cycling Team 13:51
10 Kanstantsin Sivtsov (Blr) HTC-Highroad 14:10

Mattia Fontana da Eurosport

I commenti sono chiusi.