Delitti Rock su Rai2, Amanda Lear al posto di Giorgio Faletti

La groupie Amanda al timone di Delitti Rock

Tutti aspettavano Giorgio Faletti, ma ‘il più grande scrittore italiano vivente’ è in tour promozionale per il suo ultimo romanzo, e così ‘Delitti Rock’, dal 2 maggio su Rai2, sarà affidato dalla rete ad Amanda Lear.

Una Lear (ormai mitologica settantenne) testimone del tempo, del jet set e dello spettacolo, di vite straordinarie e spericolate nei ’60 e nei ’70. Come ha detto all’Ansa la stessa conduttrice: “Potrò sfruttare il mio talento da attrice e raccontare storie di personaggi che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente, come Lennon e Hendrix, così come ho incrociato i Rolling Stones e i Beatles.

Sono stata innamorata della musica già da bambina e in generale sono sempre stata attratta dal mondo ribelle e spericolato del rock, anche se spesso i suoi protagonisti hanno avuto una fine disastrosa.”. Amanda Lear, al ritorno sugli schermi italiani a oltre tre anni di distanza dall’esperienza come giurata per Ballando con le stelle, si cimenta con un programma, fortemente voluto dal direttore di rete Liofredi, sulle rockstar scomparse tragicamente, spesso in circostanze mai chiarite.

Rai2 riapre le indagini e prova a far luce su alcuni casi irrisolti con ‘Delitti Rock’. Il programma di Rai2, girato nei luoghi in cui si sono svolti i fatti (Londra, Parigi, New York, Memphis, Los Angeles), alternerà immagini di repertorio a testimonianze attuali, interviste esclusive a documenti mai visti in tv per raccontare in dieci serate John Lennon, Michael Jackson & Elvis Presley (in una sorta di puntata doppia), Jim Morrison, Jimi Hendrix, Kurt Cobain, Sid Vicious (Sid & Nancy), Brian Jones, Janis Joplin e Luigi Tenco (unico ‘delitto rock’ italiano).

Autore è il giornalista Ezio Guaitamacchi, che ai ‘Delitti rock’ ha dedicato un libro di successo edito da Arcana. “La miglior mossa di marketing per una rockstar? Morire giovani. Così sostiene qualcuno. E, in molti casi, con ragione”, spiega Guaitamacchi.

da KATAWEB.IT

I commenti sono chiusi.