E’ morto fratel Michele Falzone l’eremita di Sant’Alberico aveva 52 anni era originario di Cattolica

Fratel Michele Falzone, il frate eremita di Sant’AlbericoMorto fratel Michele, l’eremita di Sant’Alberico Originario di Cattolica, si è spento dopo grave malattia all’età di 54 anni

VERGHERETO – Si è spento ieri sera, a 52 anni, Fratel Michele Falzone, il frate eremita di Sant’Alberico. La notizia è stata accolta con profonda tristezza dai tanti fedeli, che da giorni erano in ansia per il suo aggravato stato di salute. Fratel Michele era ricoverato alla casa di cura privata Toniolo a Bologna dall’8 dicembre scorso, a causa di una grave malattia. Il religioso è morto ieri sera attorno alle 19.40 circondato dall’affetto dei suoi fratelli, e poco dopo la notizia è stata pubblicata su Facebook dai suoi stessi familiari, sia sulla profilo personale che sul gruppo “Fratel Michele di Gesù”.

Fino a venerdì padre Michele aveva parlato con i suoi familiari e sembrava sereno. “Dio mio, mio tutto. Attendo con ansia gioiosa il tuo incontro Signore” aveva stato pubblicato tempo fa su Facebook, riferendosi alla lotta del religioso contro la grave malattia.
Fratel Michele, come amava definirsi, dal 2006 viveva all’Eremo di Sant’Alberico di Balze, a Capanne di Verghereto. Originario di Cattolica, nel febbraio 2010 il religioso francescano aveva giurato vita perpetua di solenne consacrazione come eremita, proclamando i suoi voti di povertà, castità ed obbedienza  per tutta la vita terrena. Era tra i pochissimi eremiti in Italia che aveva fatto questo tipo di voto. Aveva scelto l’eremo di Sant’Alberico, dove fece tappa anche San Francesco d’Assisi. Mercoledì 8 gennaio Fratel Michele, nonostante la malattia, aveva raggiunto Roma per poter incontrare papa Francesco. Di questa visita, sono pubblicati numerosi scatti su Facebook, a testimonianza di un momento di grande emozione. La scorsa settimana, il vescovo della Diocesi di Cesena-Sarsina monsignor Douglas Regattieri gli aveva fatto visita all’ospedale di Bologna.

Ieri in tarda sera continuavano a ‘piovere’ sul web messaggi di cordoglio. “Fratel Michele è tornato alla casa del padre – è stato scritto dai suoi cari – e dal cielo ci assiste tutti…. Preziosità del silenzio, il Silenzio è fede. Quando taci perché è Lui che agisce, quando rinunci ai suoni, alle voci del mondo per stare alla sua presenza, quando non cerchi comprensione, perché ti basta essere conosciuto da lui”.
I familiari si stanno organizzando per preparare il funerale del loro fratello Michele, che potrebbero celebrarsi a Cesena.

Simple da romagnanoi.it

I commenti sono chiusi.