E poi dicono dell’Italia epurato l’editorialista Philippe Sollers per un attacco alla compagna di Hollande

Epurato l’editorialista Philippe Sollers
paga le critiche alla première dame
Il settimanale Journal du Dimanche l’ha mandato via subito dopo un articolo in cui attaccava l’atteggiamento di Valèrie Trierweiler in occassione delle elezioni legislative, in particolare l’ormai noto tweet contro la Royal. Il vicedirettore del periodico respinge tutte le accuse

PARIGI – Licenziato per aver criticato il tweet anti-Segolène Royal 1 postato dalla première dame in occasione delle elezioni legislative. Philippe Sollers era da ben 13 anni editorialista del Journal du Dimanche. L’articolo, in cui prendeva di mira Valérie Trierweiler, ha messo fine alla collaborazione con il settimanale. Il pezzo, intitolato “La crisi, l’euro, la Siria, le tasse, il Fronte nazionale, tutto questo non è nulla in confronto al tweet”, metteva sotto accusa il cinguettio in cui la compagna del presidente François Hollande prendeva posizione nella sfida alle elezioni di La Rochelle a favore di Olivier Falorni contro Segolène Royal, ex moglie del capo dell’Eliseo.

Le critiche di Sollers. “Pregate per il presidente: ha cominciato, Dio solo sa come, nella peggiore situazione. Due donne competono per il possesso dello stesso uomo che ora cammina sui carboni ardenti. Ognuna pensa all’altra. Qual è la verità? Inserite tutto questo nella politca e avrete il caso sensazionale del cinguettio”, ha scritto Sollers. “Non bisogna scherzare, è una questione seria, è puro dolore, è una pugnalata inferta dalla ‘prima lama’ di Francia. Elezioni, la crisi, l’euro, i massacri in Siria, le tasse, il Fronte Nazionale, tutto questo è
niente in confronto al tweet”. Sollers si è divertito a gettare benzina sul fuoco, suggerendo a Valérie Trierweiler un’altra uscita sensazionale: “Un matrimonio da favola e, al più presto, un bébé. Speriamo che questa nuova avventuriera coraggiosa ci avverta con un tweet”.

L’epurazione. Dopo il pezzo, all’editorialista arriva la telefonata della direzione del settimanale. E’ stato licenziato, rivela il periodico Le Point. Il vicedirettore del Journal du Dimanche, Patrice Trapier, respinge ogni accusa di censura dicendo che la scelta era stata fatta in precedenza: “La decisione di separarci da lui risale a molti giorni prima – spiega – come avviene da molti anni, rinnoviamo i nostri collaboratori”. Una versione ufficiale “alquanto preoccupante”, commenta Sollers sull’Express. “Ho scritto il pezzo e l’ho inviato martedì scorso ai capi del giornale. Subito dopo, ho ricevuto una telefonata in cui mi veniva annunciato che la mia collaborazione con il Journal du Dimanche era terminata”, racconta. E pur ammettendo di non avere alcuna prova della causalità, sostiene che nel suo siluramento c’è lo zampino dell’Eliseo.

Una vicenda dai contorni poco chiari, soprattutto se si considera che l’editore del Journal du Dimanche è lo stesso di Paris Match, la rivista per cui scrive Trierweiler, anche se dopo l’elezione di Hollande all’Eliseo non si occupa più di politica.

da repubblica.it