Elena Catalina Tanasa rumena uccisa da un pugno del fidanzato

Due giorni di agonia prima di morire

Colpita venerdì con un pugno dal fidanzato e finita in coma, una ragazza romena di 25 anni, Elena Catalina Tanasa, è morta nella tarda mattinata di oggi all’ ospedale Infermi di Rimini in seguito alle complicazioni derivanti dalle percosse subite. Un’emorragia cerebrale non le ha lasciato scampo. La giovane era stata aggredita dal compagno, Cristian Vasile Lepsa, 35 anni, anch’egli romeno, conosciuto dagli amici come un tipo violento e con precedenti per rapina e furto aggravato. In preda ad un raptus di gelosia, lui l’aveva inseguita fin dentro l’appartamento di un’amica dove la ragazza aveva tentato di rifugiarsi. Arrampicatosi su un albero, aveva fatto irruzione nell’appartamento da una finestra e aveva colpito la giovane con un violento pugno al volto. Vasile era stato poi arrestato dalla polizia per tentato omicidio. Ora l’accusa cambierà, probabilmente in omicidio preterintenzionale. Parenti della vittima sono stati rintracciati e informati in Piemonte, dove vivono.

da leggo.it

I commenti sono chiusi.