Famiglia Cristiana Berlusconi indifendibile

patrizia-daddario-5Il direttore Don Antonio Sciortino parla di “emergenza morale”
Il settimanale cattolico era intervenuto anche sul caso Noemi
Famiglia Cristiana contro il premier
“Indifendibile, ora parli la Chiesa”
ROMA – “E’ stato superato il limite della decenza”. Scrive così il direttore del settimanale Famiglia Cristiana don Antonio Sciortino rispondendo alle lettere dei lettori, definendo “indifendibile” il comportamento del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. La Chiesa italiana, continua Sciortino “non può ignorare l’emergenza morale” di fronte allo scandalo-escort. “Non si può far finta che non stia succedendo nulla, i cristiani (come dimostrano le lettere dei nostri lettori) sono frastornati da questo clima di decadimento morale, attendono dalla Chiesa una valutazione etica meno disincantata”.

Don Antonio Sciortino è duro anche nei confronti di chi pensa “di barattare la morale con promesse di leggi favorevoli alla Chiesa: è il classico piatto di lenticchie da respingere al mittente. La Chiesa non può abdicare alla sua misisone, nessuno pensi di allettarla con promesse o ricattarla con minacce perchè non intervenga e taccia”.

Già nelle scorse settimane Famiglia Cristiana era intervenuta sulle vicende del presidente del Consiglio. Sempre don Antonio Sciortino, in un editoriale di fine maggio, aveva esortato il premier a dire la verità sui suoi rapporti con Noemi Letizia, parlando di “incongruenze e contraddizioni”. E il settimanale cattolico a gennaio aveva lanciato anche un attacco a tutto tondo contro un governo accusato di vivere “fuori dalla realtà. “Siamo un paese incredibile, metà fiaba e metà incubo” si legge nell’articolo, che ritraeva un Silvio Berlusconi preoccupato più dai sondaggi per la cessione di Kakà e del passaggio di Fiorello a Sky che dalle sfide della crisi economica.
da repubblica.it

I commenti sono chiusi.