Finge di essere donna e beffa Castro Jr

castroLa «bruna con i colpi di sole » 27enne giornalista sportiva colombiana alla fine si scopre che si chiama Luis Domínguez, cubano di Miami impiegato in un’agenzia di sicurezza, 46 anni, decisamente maschio. Il che significa che Antonio Castro, 42 anni, figlio del più celebre Fidel, medico della nazionale di baseball dell’Avana, fama da macho caraibico, è stato vittima di un clamoroso scherzo. Luis, alias Claudia, ha cominciato a tessere la trama nel 2006, a margine di una partita a Cartagena, Colombia. «Antonio era una specie di rockstar — racconta alla tv AmericaTe- Ve e al Miami Herald —: tutti volevano essere fotografati con lui, in particolare le belle donne ».

Inizia allora a studiare foto e biografie delle ex fidanzate di Castro jr e crea un personaggio virtuale, la reporter colombiana, che con l’email claudiacartagena82@ yahoo.com aggancia [email protected], indirizzo canadese usato da Antonio per la posta privata. Otto mesi di chat con passaggi anche caldi («Indovina dove mi trovo e farò con te l’amore senza mai fermarmi», gli scriverebbe lui accompagnando lo zio Raúl in Russia). E con dettagli non molto edificanti: in un’isola dalla povertà diffusa e gli accessi a Internet lesinati, il giovane Castro sfoggia polo Lacoste e manda messaggi dal BlackBerry. Oltre ai numerosi «besos», alle foto, al numero di telefono personale, nelle ore di chat Antonio non dà a Claudia informazioni politicamente sensibili, ma le rivela particolari che riguardano la propria incolumità: come quando le anticipa un viaggio in Messico o le confessa che non ha la scorta. Luis dice che l’obiettivo era questo: mostrare le falle nel sistema di sicurezza cubano. E poi, certo, anche beffare i Castro.

da IL CORRIERE DELLA SERA

I commenti sono chiusi.