Formigine morto Marco Raguzzoni, 26 anni

marco reguzzoniGiovane morto dopo intervento al cuore
Formigine. Marco Raguzzoni, 26 anni, era stato operato in una clinica a Reggio: inutile il trasferimento d’urgenza a Udine

FORMIGINE. Marco Raguzzoni si è spento l’altra sera a ventisei anni all’ospedale di Udine, dove una équipe specialistica in operazioni cardiologiche era pronta a tentare un intervento disperato al cuore. I medici erano stati allertati dell’arrivo di quella ambulanza attrezzata in questo tipo di trasporti, la sala operatoria era pronta, ma non è stato possibile quello che per la famiglia era il miracolo, il tentativo della speranza: non c’erano per nulla le condizioni per poter intervenire chirurgicamente.
Ma come si è arrivati a questo decesso?
Marco Raguzzoni è un ragazzo che ama il calcio, spesso è tra gli spalti del Mapei stadium per tifare Sassuolo e con gli amici si lancia in sfide al calcetto. Verso la fine di settembre, dopo una delle solite partite con gli amici, non si sente bene.
«Aveva accusato un dolore – racconta distrutto lo zio di Marco – e pertanto si era sottoposto ad alcuni esami. Da qui è emerso che aveva un valvola cardiaca malfunzionante. Ora non so se questa malformazione Marco l’avesse dalla nascita e sia venuta alla luce in quel frangente oppure si trattasse di un malfunzionamento che si era verificato di recente, fatto sta che con calma, in attesa di un intervento chirurgico valutato da tutti di routine, di quelli che si fanno comunemente e spesso, lui aveva continuato a fare esami e accertamenti, in attesa della data prefissata». «Finchè si arriva al 5 di novembre – spiega lo zio – e Marco viene operato a Reggio, nella clinica privata Villa Salus. Quell’intervento semplice purtroppo non si è rivelato tale: da quella operazione Marco non si è più ripreso. Il fisico di Marco non ha retto. Era stato attaccato alla macchina cuore-polmoni, era in una situazione critica e stazionaria. Così è stato deciso di tentare al centro cardiologico specializzato dell’ospedale di Udine: un intervento, un eventuale trapianto. Ma non ce l’ha fatta. Adesso aspettiamo il nulla osta della medicina legale di Udine. Se ci sarà, questo giovedì potremo celebrare il suo funerale a Formigine». La notizia del decesso di Marco Raguzzoni ha sconvolto i tanti amici e conoscenti del giovane che lavorava con il padre presso una attività di progettazione e commercializzazione nel settore immobiliare. Suo padre è Stefano Raguzzoni, imprenditore molto noto a Formigine. Marco è il primogenito di quattro fratelli. La famiglia fa sapere che non si tratta di un episodio di malasanità ma che purtroppo Marco non ha retto l’intervento chirurgico soltanto per cause naturali.

di Stefano Totaro da gazzettadimodena.it

I commenti sono chiusi.