Fukushima la crisi ora è ufficialmente a livello sei ed è definita Imprevedibile

Kan: la situazione resta “imprevedibile”
La crisi nucleare potrebbe raggiungere il livello 6

L’Agenzia nipponica per la sicurezza nucleare ha indicato oggi che potrebbe rialzare la valutazione della crisi dell’impianto di Fukushima n.1, colpito duramente dal sisma/tsunami dell’11 marzo, a livello 6 (grave incidente), dopo la raccolta di dati sui livelli di radiazione nelle regioni limitrofe. Lo indicano i media nipponici.
L’Agenzia (Nisa) ha assegnato un rating provvisorio di 5 (‘incidente con piu’ ampie conseguenze’) lo scorso 18 marzo, a una settimana dal devastante sisma di
magnitudo 9 che ha generato un potentissimo tsunami che ha messo fuori uso l’impianto di raffreddamento della centrale e causatogravi danni ad alcuni dei suoi reattori.
La scala si compone di 7 livelli: finora quello piu’ grave, ilsettimo, e’ stato assegnato al disastro di Cernobyl del 26 aprile del 1986.

Intanto, la situazione nella centrale nucleare di Fukushima rimane “imprevedibile”. Lo ha detto oggi il primo ministro giapponese Naoto Kan.
Potrebbe essere danneggiata la vasca 3
La vasca del reattore n.3 della centrale nucleare giapponese di Fukushima, che
contiene le barre di combustibile, potrebbe essere danneggiata. Lo ha annunciato la Tepco, il gestore dell’impianto, ma l’agenzia nucleare sostiene che non ci sono dati per stabilire una rottura del reattore.
La denuncia del Guardian
Il gestore dell’impianto, la Tokyo Electric Power (TEPCO), ha dichiarato che non avevano misurato i livelli di radioattività prima che gli operai iniziassero il lavoro all’interno della centrale. I due operai che sono stati ricoverati per le ustioni che hanno riportato non indossavano gli stivali protettivi.
Evacuazione volontaria a 30 km dalla centrale
Il governo ha disposto l’evacuazione nel raggio di 20 km dalla centrale raccomandando di non uscire di casa, se non necessario, tra i 20 e i 30 km. Su quest’ultima fascia, tuttavia, Edano ha raccontato di aver saputo che la gente “e’ a corto di provviste”.
Quasi contestualmente, il ministero della Scienza e della Tecnologia ha fatto sapere che la quantita’ di radiazioni giornaliere rilevata in un punto a 30 km a nord-ovest da
Fukushima ha superato il limite annuale della dose naturale.

Ricoverati due giapponesi arrivati in Cina
Due giapponesi arrivati in Cina con un volo commerciale proveniente da Tokyo sono stati ricoverati in ospedale con un livello “grave” di radiazioni, oltre il limite. Lo hanno riferito le autorita’ sanitarie cinesi, spiegando che i due sono ricoverati a Wuxi, nell’est del Paese.
27mila morti
Il numero complessivo di morti e dispersi a causa del terremoto e dello tsunami in Giappone ha superato 27mila. Secondo l’ultimo bilancio della polizia le
vittime accertate sono 10.035, mentre le persone che mancano all’appello sono 17.443.

I commenti sono chiusi.