Gand-Wevelgem vince in volata Boonen davanti a Bennati

Gand-Wevelgem – Gand fa rima con Tom, Boonen piega Bennati

Il corridore belga della Quick Step vince in volata la Classica fiamminga davanti al nostro Daniele Bennati. Per Boonen si tratta del secondo successo personale alla Gand-Wevelgem, il primo nel 2004. Ottimo spunto di Bennati, che però non riesce a rompere la maledizione delle Classiche per l’Italia

Si apre la stagione delle Classiche in Belgio e, con loro, torna di prepotenza anche lui: Tom Boonen. Il belga della Quick Step è il vincitore della 73esima edizione della Gand-Wevelgem, classica fiamminga che firma per la seconda volta in carriera dopo il successo del 2004. Bravissimo Daniele Bennati, che prova a riportare una Classica in Italia (non ci riusciamo dal Lombardia del 2008 marcato Cunego), ma che si deve accontentare del secondo posto.
VOECKLER ALL’ATTACCO, MA SENZA FORTUNA – E’ il campione nazionale francese il protagonista dei primi km della Classica belga. Voeckler, che attacca fin da subito con Van Vooren e Zinale è il primo a transitare sul mitico Kemmelberg, il secondo dei quattordici strappi in programma nel nuovo tracciato disegnato dagli organizzatori della Gand-Wevelgem. Il francese della EuropCar è ripreso a 35 km dall’arrivo dal gruppo, quando ormai la sequenza degli strappi da affrontare è ormai finita. E’ dalla pianura fiamminga che uscirà il vincitore della 73esima edizione della Gand.
SAGAN VA IN FUGA. CON LUI BODNAR, CHAVANEL E STANNARD – Quando a 28 km dall’arrivo sono andati via loro quattro, e di comune accordo hanno cominciato a guadagnare secondi su secondi nei confronti del gruppo, sembrava davvero che il vincitore di questa Gand potesse uscire da questo mini-drappello di attaccanti. Il loro vantaggio, che ha sfiorato il minuto (42 secondi), scende a 31 ai 20 km dalla conclusione.
UNA CADUTA METTE CAVENDISH FUORI DAI GIOCHI – Il gruppo si spezza in due tronconi nella parte finale a causa di una caduta che vede coinvolti – fortunatamente senza conseguenze – anche il britannico dell’HTC-Columbia e il campione del mondo, Thor Hushovd.
BODNAR CEDE, GLI ALTRI TRE NO, MA IL GRUPPO E’ LI’ – Stanchissimo, il polacco della Liquigas-Cannondale, si rialza a 5 km dall’arrivo, quando gli ormai ex compagni di fuga hanno ancora 12 secondi da amministrare nei confronti del gruppo che rinviene a grandissima velocità. A 3 km dall’arrivo ci prova Stannard, Sagan e Chavenel si guardano, si studiano… Un po’ troppo, anche perchè il gruppo è lì e li risucchia: quando decidono di accelerare (ma non ne hanno più) è tardi.
LA VOLATA PREMIA TOM BOONEN, BENNATI E’ SECONDO – Stannard, al limite ormai da molti km, si pianta a 300 metri dal traguardo. Dietro la volata è lanciata dal più atteso di giornata, Tom Boonen, che parte lungo, ma rischiando il giusto. Bennati prova a rimontarlo nel finale, ma alla fine è secondo per mezza ruota. Terzo è lo statunitense Tyler Farrar, mentre giù dal podio troviamo Greipel. Solo settimo il campione uscente, Eisel.
Andrea TABACCO da Eurosport

One comment

  1. Pingback: Gand-Wevelgem – Gand fa rima con Tom, Boonen piega Bennati