Germania rinuncia al nucleare tutte le centrali chiuse entro il 2022

La Germania rinuncia al nucleare:
“Stop a tutti i reattori entro il 2022”

La centrale di Kruemmel, vicino a Geesthacht

Sarà la prima potenza industriale a dire basta all’energia atomica
La Germania fermerà il suo ultimo reattore nucleare entro il 2022, diventando così la prima potenza industriale a rinunciare all’energia atomica: lo ha annunciato oggi il ministro per l’Ambiente. La maggior parte dei 17 reattori tedeschi non sarà più in servizio entro la fine dell’anno in corso; gli ultimi tre, i più recenti, funzioneranno fino al 2022 al più tardi, ha precisato il ministro Norbert Roettgen, che ha definito questa decisione “irreversibile”.

La Germania conta 17 reattori nucleari sul suo territorio, di cui otto non sono più collegati alla rete di produzione dell’energia elettrica. Questi otto reattori non saranno più riattivati, ha sottolineato il ministro. La Germania dovrà trovare entro la fine del 2022 il modo di soddisfare il 22% del suo fabbisogno di elettricità, attualmente soddisfatto dalle centrali atomiche. Un arresto definitivo dei 17 reattori nucleari tedeschi nel 2022 rappresenta di fatto un ritorno al calendario fissato all’inizio degli anni 2000 dalla coalizione formata da social-democratici e verdi. La cancelliera tedesca Angela Merkel aveva fatto approvare a fine 2010 l’estensione media di 12 anni della durata legale dello sfruttamento dei reattori del paese, contro la sua stessa opinione pubblica, provocando così l’esplosione di un sentimento anti-nucleare in Germania.

Ma dopo la catastrofe di Fukushima in Giappone, a seguito del sisma dell’11 marzo scorso, Angela Merkel aveva immediatamente fermato le centrali più vecchie ed aveva lanciato una riflessione sull’abbandono del nucleare civile, che dovrà essere ratificata formalmente in occasione del prossimo Consiglio dei ministri, il 6 giugno.

da lastampa.it

One comment