Giappone nuova perdita di acqua radioattiva dalla centrale nucleare di Fukushima

Giappone, nuova perdita di acqua radioattiva a Fukushima

Una nuova possibile perdita di acqua altamente radioattiva sarebbe stata scoperta nella centrale atomica Daiichi 1 di Fukushima, gravemente danneggiata dal terremoto e dal terribile tsunami che hanno colpito il Giappone l’11 marzo scorso.

A comunicarlo, la società che gestisce l’impianto, la Tokyo Electric Power Company (Tepco), secondo cui negli ultimi due giorni sarebbe stato riscontrato un anomalo abbassamento dei livelli in un deposito temporaneo di stoccaggio.

L’acqua, infatti, sarebbe scesa di oltre 10 cm, facendo ipotizzare una perdita nel raccordo sotterraneo che collega il deposito a un’altra struttura e la rapidità dell’abbassamento farebbe ipotizzare che il liquido contaminato stia filtrando direttamente nel sottosuolo.

Stando a quanto raccontato sempre dalla Tepco, i tecnici non sarebbero, al momento, in grado di intervenire  a causa dell’alta radioattività rilevata (circa 70 millisievert/ora), che ovviamente crea problemi allo svolgimento dei lavori manuali necessari per risolvere la perdita.

Intanto, intorno alle 10 locali, le 3 ora italiana, un incendio ha colpito la centrale Daini 2, gemella di Daiichi 1, da cui dista solo una decina di chilometri. Il fuoco, propagato dal seminterrato dove si trova una centralina che è andata in fiamme, è stato spento fortunatamente in soli tre minuti grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco e solo l’arresto automatico dei quattro reattori ha evitato il peggio.

Nicola de Mola

da ILQUOTIDIANOITALIANO.IT

I commenti sono chiusi.