37 liceali di Valdagno (VI) colpiti da intossicazione alimentare in gita in Sicilia

Intossicati dal cibo 37 studenti in gita
 in Sicilia: una decina all’ospedale
Malore anche per l’autista del pullman costretto a fermarsi nel Messinese. Una scolaresca del liceo artistico Boccioni di Valdagno colpita da mal di pancia e vomito: alimenti dell’hotel sequestrati per le analisi

Letojanni (Me). Disavventura con mal di pancia e vomito per trentasette studenti del liceo artistico di Valdagno, in gita in Sicilia. A finire all’ospedale “Cannizzaro” di Catania e al “Sirina” di Taormina, per un’intossicazione alimentare, sono stati una decina di ragazzi tra i 16 ed i 18 anni, oltre ad uno degli autisti dei pullman e ad una insegnante. I medici assicurano che i liceali vicentini stanno bene: sono stati dimessi con prognosi di guarigione di un paio di giorni.
Sabato mattina, però, a Letojanni, comune del Messinese, è dovuta intervenire la polizia stradale di Giardini Naxos a causa dell’improvviso malore dell’autista del pullman che stava portando gli studenti di tre classi (terze e quarta) del liceo artistico Boccioni a Catania per un’escursione nel capoluogo etneo. Diversi studenti sono stati colpiti da vomito e mal di pancia nel bel mezzo del viaggio sull’autostrada A18. L’autista, in preda ai dolori, ha fermato il pullman chiedendo soccorso. Quindi, il trasporto di una decina di studenti nei due ospedali più vicini. Sono stati sottoposti ad accertamenti per cercare di capire l’origine dell’intossicazione. Evidentemente avevano mangiato o bevuto qualcosa che li ha fatti stare male in massa.
Sul caso stanno indagando gli agenti del commissariato di Taormina e l’azienda sanitaria. C’è da capire quale sia stata l’origine dell’intossicazione: se il pasto della sera prima all’hotel San Pietro di Letojanni, dove i liceali avevano alloggiato, o altri pasti consumati altrove. Il tre stelle aveva inaugurato da appena una settimana la stagione. Il personale sanitario dell’Asl 5 della cittadina jonica ha posto sotto sequestro alcuni dei cibi utilizzati per la preparazione della cena consumata dagli studenti. Secondo i primi accertamenti, gli alimenti sarebbero di ottima qualità, ma si attende l’esito degli esami dei prossimi giorni. Accertamenti anche sul pasto consumato da alcuni degli studenti finiti in ospedale che, venerdì, erano andati al McDonald’s di Catania per un panino veloce.
«Siamo mortificati e chiedo scusa agli studenti di Valdagno, che spero ricordino la Sicilia per le bellezze visitate e non per la disavventura, dovuta all’intossicazione alimentare». Ci tiene a scusarsi Cateno Ruggero, vicesindaco di Letojanni, che si è interessato al caso: «Quanto all’hotel dove soggiornava la scolaresca, si tratta di un noto albergo, conosciuto non solo per la suggestiva posizione – continua Ruggero – ma anche per la qualità dei servizi offerti agli ospiti. Dai primi accertamenti del personale del’Asl 5 non ci sarebbero cibi avariati o scaduti tra quelli sequestrati. La causa dell’intossicazione potrebbe essere ricercata altrove. Nei prossimi giorni, saremo in grado di sapere cosa ha rovinato il viaggio degli studenti».

Natalia Bandiera Karl Zilliken

da ILGIORNALEDIVICENZA.IT

I commenti sono chiusi.