Giuseppe Bassi, operaio di 54 anni si uccide nel garage lottava contro la mobilità i alle Latterie friulane di Campoformido

giuseppe Bassi i alle Latterie friulane di CampoformidoGIUSEPPE, OPERAIO 54ENNE, SI TOGLIE LA VITA.
“HA LOTTATO CONTRO LA CHIUSURA DELL’AZIENDA”

UDINE – Ancora una vittima della crisi: Giuseppe Bassi, operaio di 54 anni, manutentore e caldaista, che lavorava da molti anni alle Latterie friulane di Campoformido, si è tolto la vita. L’uomo aveva manifestato fino a pochi giorni fa contro l’intenzione di mettere in mobilità cento lavoratori dell’azienda.
Il suo corpo ormai esanime è stato trovato nel garage della sua abitazione di Udine. Fonti sindacali hanno riferito che aveva manifestato preoccupazioni per il suo futuro.

Cgil: suo sacrificio faccia ragionare. «Spero che il sacrificio di questo nostro iscritto, che noi trattiamo con la delicatezza che merita, possa indurre le aziende a pensare non solo ai numeri ma ai problemi delle persone».

Lo afferma il segretario della Cgil del Friuli Venezia Giulia, Franco Belci, commentando il suicidio dell’operaio delle Latterie Friulane. «L’invito – continua Belci – è a fare tutti gli sforzi per evitare di usare la questione degli esuberi come una questione tattica per risolverne altre». In ogni caso, Belci nota che «quando ci si trova di fronte a un suicidio si cammina in punta di piedi e si rispetta il dolore della famiglia. Nessuno di noi si può permettere di stabilire nessi meccanici tra una vertenza e un gesto estremo», pur riconoscendo la difficoltà della vicenda occupazionale.

da gazzettino.it

I commenti sono chiusi.