Il Catello di Galliate e la caccia ai fantasmi da parte della Epas

castello di galliateLA RICHIESTA AL SINDACO DA PARTE DELLA EUROPEAN PARNORMAL ACTIVITY SOCIETY
Si va a caccia di fantasmi nel castello sforzesco di Galliate

Aleggia un fantasma nel castello di Galliate?
Telecamere a raggi infrarossi e rilevatori di campi magnetici verranno installati di notte all’interno del maniero per  registrare tracce di presenze soprannaturali

Matrimonio con fantasma? Dopo Vigevano, la caccia ai fantasmi si sposta a Galliate: i quattro componenti della Epas, la European Parnormal activity society  hanno ufficialmente presentato una richiesta al sindaco per effettuare le loro ricerche nel  complesso fortificato che domina piazza Vittorio Veneto, ora utilizzato per incontri e cerimonie.  Il primo cittadino Davide Ferrari è orientato a concedere il via libera, anche perché non ci sono costi a carico dell’ente locale.

L’interesse per questa visita così particolare è già alto dopo l’annuncio dato da Ferrari sul suo profilo Facebook. Dell’associazione fanno parte Pippo Ferrara, Stefania Zagato, Cindy Pavan e Massimiliano Maresca; tutti si interessano da tempo al campo del paranormale. Avevano già presentato nei dettagli le loro modalità di azione prima di cominciare ad operare a Vigevano. Utilizzano termocamere, apparecchiature che registrano le variazioni di calore, geofono, sensore per rilevare movimenti del suolo, onde sismiche, termometro digitale, e il K2,  rilevatore di campi magnetici: verranno piazzati di notte all’interno degli spazi per vedere se si riesce a registrare tracce di presenze soprannaturali.

SIMONA MARCHETTI da lastampa.it

Rispondi