incendio asilo Messico 31 morti

incendio-messico-asiloE’ successo nel pomeriggio (ora locale) a Hermosillo, nello Stato di Sonora
Il rogo è scoppiato in un garage vicino, dove erano custodite le auto del Comune
Messico, incendio in un asilo
Morti 31 bambini, 50 i feriti
La struttura non aveva uscite di sicurezza, e porte e finestre erano chiuse dall’interno
I piccoli stavano dormendo, e sono deceduti per asfissia. Dei sopravvissuti, molti hanno ustioni gravi
Un incendio in un asilo ha provocato in Messico la morte di 31 bambini. Altri 50 sono rimasti feriti nel disastro che ha colpito la città nordoccidentale di Hermosillo, capitale dello Stato di Sonora. Il presidente messicano, Felipe Calderon, ha ordinato l’apertura immediata di un’inchiesta per far luce sulle cause della tragedia.

I bambini, di età compresa tra i pochi mesi mesi e i tre anni, sono morti mentre stavano facendo il sonnellino pomerigiano, in gran parte asfissiati dal fumo che si è propagato rapidamente nella struttura che solitamente ospita circa 200 piccoli.

Quando è scoppiato l’incendio, alle tre del pomeriggio ora locale, nella struttura ce n’erano almeno 176, affidati alle cure di cinque o sei maestre. Tra i 50 bambini feriti, almeno 26 presentano ustioni gravi e sintomi di asfissia e sono ricoverati in diversi ospedali della città; le autorità stanno verificando la possibilità di spostare i più gravi in Arizona.
Le fiamme sono scoppiate in un garage limitrofo, dove erano custodite le auto degli uffici del Comune. La voracità dell’incendio è stata accelerata dal fatto che, insieme alle auto, c’erano vari depositi di combustibile e materiale infiammabile. I vigili del fuoco hanno lottato un’ora e mezza per domare le fiamme, alla presenza dei genitori disperati che non avevano la possibilità di raggiungere i piccoli.
L’asilo “ABC”, che ospitava figli di madri lavoratrici o con scarsi mezzi, non aveva uscite d’emergenza. Inoltre porte e finestre erano chiuse dall’interno e i soccorritori hanno dovuto sfondare le pareti con camion e auto.

da repubblica.it

I commenti sono chiusi.