Incidente sul lavoro ad Arenzano muore Luigi Ettore Guerci 58 anni caduto dall’impalcatura

Incidente sul lavoro, è morto

Un uomo è caduto dalle impalcature di un cantiere su cui stava lavorando
Genova – Non ce l’ha fatta Luigi Ettore Guerci, 58 anni, residente a Bosco Marengo nell’Alessandrino, caduto martedì dall’impalcatura dove stava ristrutturando la facciata di una casa ad Arenzano. Un attimo di disattenzione, forse un malore, un piede in fallo e la caduta nel vuoto. Portato di corsa all’Evangelico di Voltri, il codice rosso non ha lasciato scampo all’uomo, tropo gravi le condizioni.

I lavori, commissionati a un’impresa edile di Pozzolo Formigaro, dovevano riportare alla luce le facciate colorate delle case del vicolo di Arenzano, nella prima parte di via Capitan Romeo. Una caduta strana, come spiegano gli abitanti di Passo Boggiano indicando la passerella dove, alle 14 di martedì, è precipitato Guerci: «Difficile inciampare per distrazione – dice Delfina Parodi – il passaggio è protetto, ci sono i tubi di metallo, aveva parecchi appigli a cui tenersi».

E invece l’operaio ha perso l’equilibrio ed è caduto prima su alcuni fili da stendere, che hanno attutito il colpo, e poi sul cemento. Nonostante i traumi riportati in tutto il corpo, Guerci non ha perso conoscenza: ha cercato di rialzarsi, come raccontano dei testimoni, ma ha avuto una fitta allo stomaco.

Subito soccorso dapprima da un compagno di lavoro e poi dai volontari della Croce rossa di Arenzano – chiamati dagli inquilini del palazzo – Guerci doveva essere trasportato all’ospedale San Martino di Genova con codice giallo. In ambulanza però il peggioramento, fino alla perdita della conoscenza: il codice diventa rosso, imponendo una fermata di emergenza all’ospedale Evangelico di Voltri.

Al momento una delle ipotesi più accreditate sembra essere quella di un malore – forse un collasso dovuto al caldo – che ha fatto cadere l’operaio dai ponteggi. L’ultima parola spetta ai medici e ai carabinieri del nucleo operativo di Arenzano, che stanno indagando con i funzionari dell’Ispettorato del Lavoro per capire se nel cantiere fossero rispettate le norme di sicurezza e soprattutto se – al momento dell’incidente – l’operaio indossasse correttamente casco e abbigliamento antinfortunistico.

da ilsecoloxix.it

I commenti sono chiusi.