Incidente sul lavoro muore Giovanni di Leonardo artigiano di 55 anni cade dal tetto di un capannone abbandonato a Rubiera e muore

Cede tetto capannone: muore imprenditore
mercoledì 20 giugno 2012
Il 55enne Giovanni Di Leonardo stava ristrutturando uno stabile abbandonato a Rubiera: è precipitato da 8 metri

RUBIERA (Reggio Emilia) – Un nuovo, tragico caso di morte bianca si è verificato oggi in provincia di Reggio Emilia: poco dopo le 15.30, un uomo è morto precipitando dal tetto di un capannone industriale in stato di abbandono in via Torino, a Rubiera, mentre era impegnato in lavori di ristrutturazione di quella che, un tempo, era la sede della Hilary’s Pagani, ditta che produceva e commercializzava materiali plastici.
La vittima è l’imprenditore 55enne Giovanni Di Leonardo, nato in provincia di Agrigento e titolare di un’impresa individuale, da anni risiedeva a Bagnolo con la famiglia. Secondo le prime ricostruzioni, dopo aver raggiunto con un cestello insieme a due collaboratori il tetto dello stabile per stendere la guaina isolante, la copertura ondulata ha ceduto sotto i suoi piedi. Il corpo dell’artigiano è precipitato al suolo, volando per circa otto metri: la caduta è stata fatale a Di Leonardo, che è morto sul colpo.

da reggionline.com

I commenti sono chiusi.