Incredibile addetti comunali vendevano lo stadio San Paolo di Napoli per foto nozze e anche incontri amorosi

Lo stadio San Paolo trasformato in alcova
L’impianto di Fuorigrotta veniva «fittato» anche
per set fotografici: prezzo per fare le foto, 60 euro

NAPOLI – Una foto ricordo nel teatro delle gesta dei tre tenori e di tutti gli altri azzurri costava «solo» 60 euro, qualcosa in più se si trattava di incontri «particolari». Non era, ovviamente, un’iniziativa organizzata dal calcio Napoli ma questi soldi finivano dritti dritti nelle tasche di alcuni addetti comunali alla sicurezza e alla manutenzione dello stadio. Il Comune ha aperto un’inchiesta per fare luce su quanto accadeva al San Paolo e ha rimosso dai propri incarichi circa 50 dipendenti.
MATRIMONI, FESTE, COMUNIONI – La notizia, come riportato da «Il Mattino» e ripresa da alcuni quotidiani, è stata confermata dall’assessore allo Sport del Comune di Napoli Pina Tommasielli, la quale ha detto che si farà il possibile per ripristinare la legalità all’interno dell’impianto sportivo. Una storia, dunque, che ha dell’incredibile visto il «subaffitto» del campo, ridotto a garconnière.

L’«ALCOVA» – Non solo matrimoni, con questi insopportabili mariti che trascinano le mogli allo stadio anche nel giorno più bello della loro vita, ma anche comunioni, feste o occasioni particolari in cui poteva diventare una piccola alcova. Per la prima notte di nozze, infatti, si poteva un piccolo appartamento con un letto rosa, bastava versare una cifra più alta. Il tutto veniva fatto nei giorni in cui nello stadio non era previsto nessun evento e cioè dal lunedì al venerdì quando la squadra non era impegnata nelle coppe europee. Nell’attesa di avere un nuovo stadio che consenta delle visite guidate, chissà che al Comune non venga l’idea di organizzare delle gite, legali.

I commenti sono chiusi.