Indagine BBC rifiuti tecnologici in Ghana

Indagine della BBC rivela esportazione di rifiuti tecnologici verso il Ghana

Nascondendo un dispositivo GPS all’interno di un rifiuto tecnologico, l’Environmental Investigation Agency, una rete d iattivisti ambientali, e il programma della BBC Panorama sono riusciti a dimostrare un traffico illegale di rifiuti dal Regno Unito verso uno dei paesi più poveri dell’Africa, il Ghana. Ma il peggio l’hanno scoperto quando sono arrivati sul posto. I rifiuti provenivano anche da altri paesi come l’Australia e altri.
L’inchiesta segue  i sospetti da parte di alcuni attivisti dell’EIA su uno dei principali leader dello smaltimento di rifiuti del Regno Unito e su alcune società di riciclaggio erano legati al crescente commercio illegale di e-waste, i rifiuti tecnologici.

I clienti della società erano illustri: ASDA, Tesco, Barclays, il servizio sanitario nazionale e la rete ferroviaria.

Quest’ultima  ha ammesso che le apparecchiature elettroniche di alcuni suoi siti dismessi a sud di Londra sono finite in Africa occidentale dopo essere state cedute da una società terze, assicurando di aver preso provvedimenti per impedire che ciò avvenga in futuro.

Gli attivisti dalla Environmental Investigation Agency (EIA) rilasceranno una ricerca che illustra il ruolo della Gran Bretagna nel commercio globale di rifiuti tecnologici, che verrà pubblicato la prossima settimana. Il rapporto descrive i risultati di un’indagine sul modo in cui in diciotto mesi nel Regno Unito i rifiuti elettronici, molti dei quali tossici, sono  finiti all’estero dove spesso venivano trattati in condizioni assolutamente pericolose per la salute umana e per l’ambiente.

Un programma della BBC Panorama ha andato in onda lunedì notte ha fatto scalpore nel Regno Unito, mostrando le condizioni penose della regione del Ghana dove questi rifiuti finiscono.

I rifiuti tecnologici possono essere pericolosi per l’ambiente e le persone – i processori dei computer contengono una miscela di sostanze chimiche e i tubi a raggi catodici installati in molte vecchie TV possono contenere piombo, solo per fare un esempio. Queste sostanze vengono rilasciate quando i rifiuti elettronici vengono smontati nei paesi di destinazione, spesso in vaste discariche non ufficiali dove i lavoratori non hanno indumenti protettivi e le norme sanitarie e di sicurezza sono precarie o inesistenti.

da gaianews.it

I commenti sono chiusi.