Le mutande di Luca Argentero

ARGENTERO: “IN MUTANDE
PER LA GIOIA DELLE FAN”

luca_argentero_intimissimi“Mi hanno messo in mutande per la gioia delle mie fan. Non ho ancora molti anni a disposizione per una pubblicità di intimo, così mi sono detto, è l’ultima cartuccia che mi posso sparare con un fisico decente. Vede, cominciano i capelli bianchi…”.

Un po’ di vanità e la paura di invecchiare dietro la scelta di Luca Argentero di diventare testimonial di una nota casa di intimo: “Poi – ha dichiarato a “Vanity Fair” – avevo già fatto un calendario. Nessun pudore, nessuna timidezza. Lo dico sempre, ho già fatto tutto quello per cui ci si può vergognare”.

Ex gieffino, grazie alla sua determinazione e professionalità Argentero è diventato un attore di successo, interpretando anche un film con Julia Roberts (“Lei è un’americana che fa un lungo viaggio, la prima parte in Italia, la seconda in India, la terza a Bali. Io sono l’amico italiano, il suo punto di riferimento. Quello che le fa conoscere il gruppo nel quale si muoverà, che l’accompagna dappertutto, la porto persino in campagna da mia mamma a mangiare il tacchino”) senza ridursi ad interpretare le “particine” che di solito toccano agli italiani nelle grandi produzione a stelle e strisce: “Sto zitto perché nei film americani non sai mai quanto taglieranno, però il ruolo c’è, esiste, abbiamo girato due settimane”.

Fiducioso nel futuro (“Ormai sono specializzato nel buttarmi in nuove esperienze”) è uno dei pochi che, uscito dal GF, non si vergogna delle sue origini televisive: “Non riesco a immaginarmi un modo diverso di vivere. Di vita ne abbiamo una sola, ognuno si pone un obiettivo, nel mio caso è farmi una famiglia e sperare di arrivare a una certa età e potermi definire saggio. E la saggezza deriva dall’esperienza. Quindi rifiutare le chance che la vita ti propone a me sembra un peccato mortale. Mi è difficile pensare che una cosa sia sbagliata prima di averla provata. Un errore non è mai un errore finché non l’hai commesso”.

da LEGGO.IT


I commenti sono chiusi.