Ivrea Arduino Callegari uccide con una coltellata il figlio Andrea tossico ed ubriaco

Ivrea, uccide con una coltellata
il figlio rientrato a casa ubriaco

Lite per un cd finisce in tragedia
In manette un settantaduenne “Era esasperato, quel ragazzo continuava a chiedergli soldi”

Le liti in famiglia erano ormai diventate una consuetudine ma l’ultima è stata fatale per Andrea Callegari, 41 anni, di Banchette, nel torinese. L’uomo è stato ucciso con una sola coltellata al petto dal padre, Arduino, di 73 anni, arrestato dai carabinieri. La tragedia al termine dell’ennesima discussione avvenuta per futili motivi all’interno dell’appartamento in cui i due vivevano, in via Roma 20/10.

Secondo quanto si è appreso da fonti investigative, Andrea Callegari, con seri problemi di tossicodipendenza, sarebbe rientrato a casa ubriaco e non riuscendo a far funzionare un cd si sarebbe arrabbiato con il padre.

Un crescendo di parole e toni sempre più accesi, tanto da mandare nel panico l’anziano che, non riuscendo più a far ragionare il figlio è corso in cucina. Qui, dopo aver afferrato un coltello, si sarebbe scagliato contro la vittima. Un solo colpo, secco e preciso. Sul posto è intervenuto in poco tempo il 118 ma per lui non c’è stato nulla da fare.

Indagano i Carabinieri della Compagnia di Ivrea. Secondo le testimonianze raccolte pare che l’anziano fosse esasperato dalle continue richieste di soldi da parte del figlio. Denaro che pretendeva per poter acquistare la droga.

DANIELA LANNI da lastampa.it

I commenti sono chiusi.