La morte di Giovanna Pellegrino conosciuta da tutti come Giovy 17 anni per leucemia a Tortona

giovanna pellegrinoGiovanna, 17 anni, uccisa dalla leucemia
Lutto a Tortona, dolore tra i compagni di classe e gli insegnanti dell’istituto Marconi. Alle 15.30 i funerali

Morire di leucemia a soli diciassette anni. E’ accaduto ad una ragazza tortonese, Giovanna Pellegrino, conosciuta da tutti come “Giovy”.
Era malata di leucemia da circa un anno e mezzo e il suo cuore ha smetto di battere domenica mattina, alle nove, all’ospedale Regina Margherita di Torino, dopo un anno e mezzo di cure.
La notizia si è diffusa ieri in città suscitando dolore e sgomento non soltanto fra coloro che la conoscevano. Una storia travagliata quella della malattia di Giovanna perché per un momento, nell’aprile scorso, tutti si erano illusi potesse guarire da questa malattia che non perdona: aveva effettuato infatti il trapianto di midollo osseo, che però non è andato a buona fine.
Giovanna Pellegrino era tortonese, figlia di tortonesi: il papà Carmine di quarantatrè anni fa il panettiere mentre la mamma Patrizia, che di anni ne ha quarantadue, è casalinga. La coppia oltre a lei ha anche avuto un altro figlio, Luca, di dodici anni, e sarà forse questo l’unico motivo che riuscirà forse a dare forza ai due genitori, terribilmente provati da una vicenda drammatica davanti alla quale è praticamente impossibile rimanere insensibili.
Giovanna frequentava la classe quarta del liceo scientifico tecnologico all’Itis Marconi, in viale Einaudi, anche se di recente, a causa della malattia le sue apparizioni a scuola sono state molto rare.
Giovanna continuava a studiare, anche in ospedale, grazie alla collaborazione fra l’istituto Marconi e i professori di Torino che si occupano dell’istruzione dei giovani pazienti costretti per lunghi periodi in ospedale. Con i compagni di scuola e gli amici però poteva avere contatti soltanto telefonici e tramite Facebook, a causa delle difese immunitarie bassissime. Il “Marconi” parteciperà alle esequie in forma ufficiale, con la bandiera della scuola e una rappresentanza composta dal preside, Guido Rosso, dai docenti e dai compagni. «La notizia ci ha colto impreparati anche se Giovanna era malata da tempo – dice il professor Rosso -. Siamo rimasti tutti molto colpiti, è stato un momento di grandissima tristezza». I funerali si terranno oggi alle 15,30 in Duomo.

Angelo Bottiroli da laprovinciapavese.it

I commenti sono chiusi.