La Red Bull continua a incendiarsi a Jerez bene Mclaren Ferrari e Mercedes

jerez 2014 red bull vettel in fiammeRed Bull fiammeggiante, ma la McLaren vola. Bene la Ferrari

E se fosse l’anno buono per vedere come se la cava Vettel a inseguire? Le voci del paddock, in questo secondo giorno di test bagnati e scivolosi, raccontano di una Red Bull esplosiva. Troppo. A fine giornata la McLaren fa segnare il miglior tempo. Seguita dalla Ferrari che gira tanto (47 giri) e relativamente veloce

Il secondo giorno di test, a Jerez de la Frontera è dominato dalle voci di paddock, più che dalla McLaren di Jenson Button (miglior tempo di giornata, per quello che conta). La più rilevante di queste voci – proveniente da fonte attendibile – è che i guai che sta avendo la Red Bull in questi giorni sono ben più rilevanti di quanto possa sembrare. I ragazzi del team di Horner avrebbero dovuto domare nel giro di 24 ore due principi di incendio: tutta colpa della power unit, e in particolare della coppia mortale ers+kers. In particolare, vagheggiano dall’interno del team, ci sarebbe stato un componente in carbonio fissato male.

A fine giornata, il foglio dei tempi racconta di una McLaren sugli scudi, 43 giri di cui uno più veloce degli altri, 1’24”185, e di una Ferrari in palla: 47 giri e secondo più veloce (1’24”812). Bene anche la Mercedes di Rosberg, 57 giri e miglior tempo di 1’25”588. In difficoltà, come detto, la Red Bull, alla fine, farà segnare solamente 8 giri, e l’ultimo tempo del foglio: 1’38”320.

Lo strano percorso scelto da Vettel in uscita dai box. Di solito i piloti percorrono l’altro rettilineo. La scelta del tedesco sembra finalizzata a non offrire ai fotografi e ai cameraman perennemente appostati una ripresa troppo chiara del retrotreno (che cosa si sarà inventato Newey?)

da repubblica.it

I commenti sono chiusi.