Lecce morta partorendo la figlia Maria Grazia Vangeli, di Copertino 31 anni

ambulanza 12Tragedia per una 31enne: muore partorendo la figlioletta. Aperte due inchieste
Sottoposta a un taglio cesareo per la nascita della piccola, Maria Grazia Vangeli, di Copertino, non ce l’ha fatta. A cause di alcune complicazioni durante l’intervento, è stata trasferita al “Vito Fazzi” dove è spirata dopo alcune ore. Procura e Asl hanno avviato le indagini

COPERTINO – Doveva essere il giorno più bello. Uno di quelli in cui si intrecciano gioia ed euforia. Ma la luce ha lasciato il posto al buio totale e una giovane mamma di 31 anni è morta dando la vita alla sua piccola. La prima figlia. E’ accaduto nel corso della giornata, a Copertino. Maria Grazia Vangeli, al nono mese di gravidanza, è stata sottoposta a un taglio cesareo, programmato da tempo, intorno alle 11 presso l’ospedale della cittadina.

Qualcosa, però, è andato storto e la giovane donna, affetta da Talassemia, ha avuto un arresto cardiocircolatorio. Forse sarebbe sopraggiunta anche emorragia a complicare una situazione già delicata. Il personale di Ginecologia è stato immediatamente affiancato dai colleghi del reparto di Cardiologia.

Davanti alle gravi condizioni cliniche della paziente, il personale medico ha disposto il trasferimento urgente presso l’ospedale  “Vito Fazzi” di Lecce, dove è stata ricoverata nel reparto di Terapia intensiva. Ma dove, purtroppo, alcune ore dopo il cuore della 31enne ha cessato di battere. E i lei non è rimasto che quella piccola bimba, che non riavrà mai la sua mamma. La comunità copertinese, il compagno della giovane vittima e i suoi famigliari sono ora sconcertati. Spezzati dal dolore. Il padre della piccola ha sporto denuncia in giornata e le indagini sono scattate subito.

Le inchieste sono doppie, sono state aperte sia dalla Procura della Repubblica di Lecce, sia una interna all’Azienda sanitaria locale. I carabinieri della tenenza di Copertino, su disposizione del pm che coordina le indagini, Carmen Ruggiero,  si sono, infatti, recati presso il nosocomio e hanno sequestrato la cartella clinica della 31enne. I militari dell’Arma hanno anche acquisito dati e generalità di tutto il personale medico e paramedico che ha partecipato all’intervento chirurgico. La salma di Maria Grazia, intanto, è stata trasferita presso la camera mortuaria dell’ospedale del capoluogo salentino, in attesa dell’esame necroscopico che sarà eseguito nelle prossime ore dal medico Roberto Vaglio.

da lecceprima.it

I commenti sono chiusi.