Letizia Moratti all’attacco : “Ecopass gratuito per tutti i residenti”

La Moratti sfodera l’asso nella manica: “Ecopass per tutti”

Dopo la parziale sconfitta di Milano, Letizia Moratti tira fuori l’asso nella manica ed annuncia: “Ecopass gratuito per tutti i residenti”. E così ricomincia la seconda ondata della campagna elettorale sotto l’ombra della Madonnina, che vedrà i due candidati Moratti e Pisapia confrontarsi sui temi più cari alla cittadinanza del capoluogo lombardo.

La prima fase della campagna elettorale si è consumata senza grandi novità sul fronte dei programmi economici, non risparmiando i colpi bassi, a tutto vantaggio dello schieramento di centro-sinistra, che ha fatto breccia nella Cerchia dei Bastioni, presidio del centro-destra. Ma la Moratti ora fa ammenda e sembra disposta a porgere le sue scuse all’avversario, purché vi sia un nuovo confronto in TV sui “programmi”.

Su queste basi arriva l’Ecopass per tutti i milanesi, che potranno risparmiare sull’ingresso al centro di Milano. Il Sindaco uscente, Letizia Moratti, ha giustificato l’iniziativa con i vantaggi in termini economici per i residenti e con i successi ottenuti dall’iniziativa Ecopass. La fase di sperimentazione – che ha visto il potenziamento del trasporto pubblico e del bus e car sharing – è terminata con notevoli benefici ambientali, in particolare la riduzione dell’inquinamento, del traffico e degli incidenti.

Ma le sorprese non sono finite qui. La Moratti intende utilizzare gli introiti per l’ingresso nel Cerchio dei Bastioni dei non residenti a favore di ulteriori iniziative per l’Ambiente, quali gli incentivi alla sostituzione delle vecchie caldaie con le nuove più ecologiche. Un piccolo regalo agli ambientalisti? In ogni caso resta in piedi il referendum sull’ambiente e sulla mobilità sostenibile promosso da Milano si Muove, in calendario il 12 giugno.

“Il ballottaggio – ha dichiarato a tal proposito Edoardo Croci presidente di Milano si Muove – può essere l’occasione perché i candidati sindaci si impegnino ulteriormente a favore dei referendum milanesi che possono costituire la svolta per la modernizzazione della città, il miglioramento dell’ambiente e la qualità della vita”.

Dura la risposta di Piasapia “La Moratti vuole comprare i voti con un ticket”. La sua controproposta consiste invece in una tassa indiscriminata fino a 10 euro per tutte le categorie di veicoli commerciali e privati.

da FINANZA.REPUBBLICA.IT

I commenti sono chiusi.