Lettonia hacker come Robin Hood, minaccia di rivelare entrate dei politici

Lettonia “Robin Hood” digitale fa tremare l’establishement
Rivela gli stipendi degli esponenti della classe dirigente

hackerL’establishement lettone trema dopo che un gruppo di hacker ha minacciato di rendere pubbliche le entrate dei principali esponenti politici di Riga ed eventuali loro illeciti fiscali. Lo scrive oggi il quotidiano britannico Times.

Il gruppo si autodefinisce Esercito popolare della quarta illuminazione e sostiene d’aver effettuato il download di oltre 7,5 milioni di documenti, comprese ricevute dell’Iva e dichiarazioni fiscali sulle tasse individuali, dal Servizio statale per le entrate, dopo aver scoperto un “buco” nei sistemi di sicurezza del sito internet dell’agenzia governativa.

Un hacker, che usa il “nickname” di Neo, uno dei personaggi del film Matrix, ha affermato che i documenti a loro disposizione dimostrerebbero l’ipocrisia ufficiale che sta attorno alle riforme economiche di lacrime e sangue che il governo lettone intende mettere in campo. “Lo scopo del gruppo e smascherare coloro i quali hanno distrutto il paese”, ha detto Neo in un’intervista pubblicata sul sito internet del programma televisivo Kas Notiek Latvija.

Neo è stato già ribattezzato il “Robin Hood digitale” dai lettoni arrabbiati, che hanno visto l’economia del paese perdere un quarto del suo valore e diventare la più debole dell’Unione europea. Intrappolata nella crisi economica globale, la Lettonia ha visto la disoccupazione fare un balzo in avanti fino al 23 per cento. I dipendenti pubblici, inoltre, hanno visto tagliati i loro salari fino al 50 per cento.

Il Robin Hood digitale ha già reso pubbliche le retribuzioni dei capi della polizia lettone e ha chiesto di “analizzare i dati e determinare se la riforma dei salari è giusta” o meno. Neo, inoltre, ha reso pubbliche le retribuzioni dei manager di una banca che è stata salvata, dimostrando che gli amministratori non hanno mantenuto le loro promesse di tagliarsi gli stipendi.

da VIRGILIO.IT

I commenti sono chiusi.