Lewis Hamilton penalizzato a Monaco perchè sono nero come dice Ali G

Hamilton “Penalizzato perché sono nero”

Lewis Hamilton sbotta al termine del GP di Monaco che lo ha visto retrocesso sulla griglia di partenza e fermato per due volte in gara per gli incidenti con Massa e Maldonado. “Mi penalizzano perché sono nero”, ma poi ritratta e si scusa con i commissari e con la FIA

Tre penalizzazioni in due giorni hanno fatto saltare i nervi a Lewis Hamilton: dopo essere stato retrocesso di due posizioni in griglia per aver tagliato una chicane in qualifica, il pilota della McLaren è stato poi fermato per due volte in gara dai commissari per gli incidenti che hanno coinvolto Felipe Massa e Pastor Maldonado. Nonostante i due drive-through, Hamilton ha comunque chiuso al sesto posto con un giro di vantaggio su Adrian Sutil, ma l’unico pilota che, finora, è riuscito almeno per una volta a stare davanti a Vettel (GP della Cina, Hamilton primo e Vettel secondo) si ritrova ora a 58 punti di distanza dal tedeschino della Red Bull, sempre più leader del Mondiale con 5 successi in 6 gare. E la pazienza, condita da una grande dose di frustrazione, sembra essere già finita.
“In questa stagione ho visto i commissari 5 volte in 6 gare – è esploso il pilota della McLaren -, forse mi puniscono perché sono nero, come dice sempre Ali G”, ha tuonato riferendosi al personaggio immaginario ideato e interpretato dal comico inglese Sacha Baron Cohen.
Hamilton ha poi ritrattato le dichiarazioni a stampo razzista qualche ora dopo, sotto “invito” della stessa FIA che, per il momento, ha evitato commenti. “E’ stata una battuta mal riuscita – ha aggiunto il pilota britannico -. Sono cose che càpitano al termine di una gara molto emozionante e di un pomeriggio pieno di frustrazioni. Non sempre si dicono le parole giuste a caldo, e quella battuta è stata detta al momento sbagliato”.
Dura, invece, la reazione di Felipe Massa: “Ha provato a sorpassarmi in un posto in cui era impossibile farlo. E’ stato troppo aggressivo. Quello che ha fatto oggi è stato incredibile e non l’ha fatto solo con me, ma anche con altri piloti. Deve essere penalizzato ancora e ancora, altrimenti non imparerà mai”.
Eurosport

I commenti sono chiusi.