Niente carcere per Lindsay Lohan, ma domiciliari con braccialetto elettronico

Lindsay Lohan evita il carcere
Per il furto della collana l’attrice potrà scontare la pena con gli arresti domiciliari

Lindsay Lohan ha iniziato a scontare gli arresti domiciliari per il furto di una collana da 2.500 dollari da un negozio di gioielleria. L’attrice è stata condannata a quattro mesi di prigione dopo che non ha presentato alcuna istanza contro le accuse a suo carico, rese note il mese scorso. Secondo People.com, la star è si è presentata giovedì mattina al carcere di Lynwood, ma è stata ritenuta idonea a scontare la pena ai domiciliari.

Dunque stata rimandata nella sua casa di Venice, in California, con un braccialetto elettronico alla caviglia. “Ora dovrà limitarsi a stare all’interno della casa tutto il giorno”, ha detto il portavoce dello sceriffo Steve Whitmore di Los Angeles.

Il sito online di People ha anche spiegato che la Lohan potrebbe scontare solo due settimane di arresti domiciliari con uan riduzione per buona condotta. Quando fu accusata di furto, la Lohan aveva appena lasciato il centro di riabilitazione Betty Ford a Rancho Mirage, in California, dove era stata sottoposta ad un trattamento di 90 giorni per la disintossicazione da droghe e alcol.

Il giudice aveva ordinato il ricovero dopo che l’attrice si era rifiutata di sottoporsi ai test sul consumo di droga. Precedentemente la Lohan ha già trascorso 14 giorni in carcere per aver violato la libertà vigilata, che le era stata imposta nel 2007 per guida in stato di ebbrezza.

da TGCOM


I commenti sono chiusi.