Marco Travaglio editoriale di giovedì 24 luglio 2014 I due Caimani

vanity_fair_marco_travaglio1 I due Caimani
Chi pensava di essersi liberato di B. – sono vent’anni, da quando Bossi rovesciò il suo primo governo, che ogni tanto qualcuno salta su a darlo per morto – sarà sorpreso nell’apprendere che non solo B. è vivo e lotta insieme a noi, anzi a loro. Ma si è addirittura sdoppiato. Da ieri non c’è più un solo Caimano: ce ne sono due. Date un’occhiata ai giornali e ai telegiornali, che parlano del suo ruolo centrale nella riforma del Senato nelle prime pagine e delle rivelazioni di Emilio Fede sulla sua mafiosità nelle ultime, e dite se non è così. Finora la stampa di regime si regolava dividendo B. in due: dalla cintola in su il politico, lo statista, insomma il padre costituente; dalla cintola in giù il pregiudicato, il plurimputato, l’amico dei mafiosi, il piduista, il puttaniere (dalla cintola in giù, appunto), insomma il padre prostituente. Bastava aggiungere che “un conto sono i processi, un altro le riforme” e che “bisogna separare la giustizia dalla politica” e il gioco era fatto: a saperlo prima, Vito Ciancimino sarebbe diventato presidente della Repubblica, ma purtroppo per lui non ci aveva pensato, o forse era nato nell’epoca sbagliata.

Dall’altroieri però tutto è cambiato. E dal Berlusconi dimezzato siamo passati al Berlusconi raddoppiato. Ora sono due soggetti a se stanti, che vivono vite parallele ma separate, sia pure con la stessa faccia, la stessa statura, lo stesso fard, la stessa asfaltatura, gli stessi tacchi, gli stessi soldi, la stessa fidanzata. L’annuncio l’ha dato, con la dovuta solennità, Giorgio Napolitano comunicando ai giornalisti, al governo e al Parlamento che urge una bella “riforma della giustizia condivisa” con l’“interlocutore significativo”. Tra i vari soprannomi che hanno accompagnato la carriera criminal-imprenditorial-politica di B. (ne scrive Daniela Ranieri a pagina 4), mancava giusto questo.   Sbaglia Emilio Fede a definirlo “soldi mafia mafia soldi”. E sbagliava il suo legale Niccolò Ghedini a immortalarlo come “utilizzatore finale” di mignotte. Il termine giusto da usare è “interlocutore significativo”. Che tra l’altro è un soprannome multiuso, evergreen, per tutte le stagioni, i gusti, i palati e anche gli stomaci: uno può essere interlocutore significativo di Mangano, ma pure di Ruby o della D’Addario, ma pure di Renzi e Napolitano. La stampa, come in ogni regime che si rispetti, ha subito preso buona nota del super-monito presidenziale e ha prontamente obbedito. Il più raffinato è il Corriere della Sera. Pagina 1: “Spinta di Napolitano per le riforme”. Pagina 16, in basso a sinistra: “Fede intercettato: ‘Berlusconi, Dell’Utri sa e mangia’”. Non una parola, nei titoli, sul concetto di “mafia” o di “Mangano”, altrimenti poi nei lettori sorge il sospetto che questo Berlusconi sia lo stesso che riforma il Senato e prossimamente la Giustizia. Il Giornale: “Lo dice persino Napolitano: la riforma della giustizia va fatta. Il capo dello Stato plaude al Cavaliere per le frasi sulla ‘magistratura equilibrata e rigorosa’” (quella che l’ha assolto). Nemmeno una riga sulle parole di Fede, se no magari qualche lettore si domanda se questo Fede sia una toga rossa, un giornalista del Fatto, oppure quello del Tg4. I tg, a parte Mentana su La7, sopiscono e troncano, ma soprattutto tengono a debita distanza il B. riformatore dal B. mafiatore. Tutti poi insistono sulle frasi rubate a Fede dal suo personal trainer (conversazioni dove uno può benissimo straparlare o millantare) e sorvolano sull’interrogatorio di Fede dinanzi ai pm di Palermo (dove il giornalista, sotto giuramento, prim’ancora che gli vengano contestate le sue chiacchiere con l’allenatore, mette a verbale di aver visto e sentito B., già in politica, raccomandare a Dell’Utri di aiutare economicamente Mangano e la sua famiglia. Una testimonianza importantissima – ben più delle bobine – sul fatto che la trattativa Stato-mafia non s’è mai interrotta, neppure dopo l’ultimo e definitivo arresto di Mangano nel ’95 e nemmeno dopo la sua morte nel 2000. Ecco: questo non si deve assolutamente sapere. Se no poi, dopo lo sdoppiamento dei Berlusconi, tocca pure separare il papello dalla nuova Costituzione.

Da Il Fatto Quotidiano del 24/07/2014. marco travaglio via triskel182.wordpress.com

I commenti sono chiusi.