Marco Travaglio editoriale di lunedì 8 settembre 2014 Ma mi faccia il piacere

vanity_fair_marco_travaglio1Ma mi faccia il piacere
La stampella. “Berlusconi prudente: non siamo distruttivi, impossibile far cadere Renzi ora” (Corriere della sera, 2-9). Quando gli ricapita uno così? Critico d’arte. “La Trattativa della Guzzanti con l’arte non ci azzecca” (Maurizio Caverzan, il Giornale, 4-9). Sei bello tu.   Se lo dice lui. “Berlusconi boccia le primarie: sono una farsa” (il Giornale, 6-9). La famosa Farsa Italia.

Un uomo da marciapiede. “Alfano a Forza Italia: ‘Nuovo patto o alle regionali con il Pd” (Repubblica, 3-9). Finirà che se lo giocheranno a poker. Forze Fumate. “Arriva la marijuana di Stato. Sarà prodotta dall’Esercito” (Stampa, 5-9). E poi dicono che le Forze Armate non servono. L’assaggiatore. “L’islam taglia un’altra testa ma noi facciamo guerra a Putin” (Alessandro Sallusti, ilGiornale, 3-9). “Venti di guerra. Europa fermati. Trascinati da Obama stiamo per inasprire le ostilità contro Putin” (Sallusti, il Giornale, 5-9). “L’Italia entra in guerra contro i tagliagole.

L’Occidente al fronte” (Sallusti, il Giornale, 6-9). Dev’essersi già arruolato nel Battaglione Marijuana. Orlando copioso. “Anche il ministro Orlando adesso ammette: ‘Certi magistrati fanno politica’” (il Giornale, 3-9). Finalmente ha avuto un’idea: purtroppo non era sua.   Giorgio Leopardi. “Elio Germano: ‘La prova più dura? Recitare l’Infinito’” (Repubblica, 2-9). Napolitano: “Dillo a me, dillo”. Donne al volante. “Bindi: ‘Ministre scelte anche perchè belle’” (Corriere, 6-9). Anche?   Il duro. “Renzi, linea dura con Putin” (Stampa, 5-9). Birichino! I duri. “Renzi e Mogherini: ‘Soluzioni politiche. La Russia resta nel mirino della Nato e dell’Europa, ma non per un’opzione militare’” (Repubblica, 5-9). La bombardiamo di gelati Gromm.   Terra-aria. “Obama chiama a raccolta la coalizione contro la jihad in Siria e in Irak. Renzi: ‘Ci saremo, ma nessun intervento di terra’” (il Giornale, 6-9). Solo aquiloni e aliant i.   Italicum-bis. “Conte, la dura realtà degli italiani spariti, dilagano gli stranieri: ‘Serve una riforma’” (Repubblica, 2-9). Se la chiede a Renzi, l’ha già fatta.   Smacchiatori e smacchiati. “Il giaguaro l’ho smacchiato io” (Pierluigi Bersani, 6-9). Sicuro che non sia il contrario?   Tutti pazzi per Mary. “Selfie con i militanti e sfida per averla a cena. La Boschi star alla festa pd” (Repubblica, 2-9). Li ha conquistati con le sue riforme.

Lega Nord Corea. “Sono contento di essere andato in Corea del Nord, ho visto un senso di comunità splendido e un grande rispetto per gli anziani, cose che ormai in Italia non ci sono più” (Matteo Salvini, reduce da una visita a Pyongyang al seguito di Antonio Razzi, Corriere, 3-9). Dillo a Bossi, dillo.   Che due marò/1. “Ora basta indugi, si vada fino in fondo” (Maria Giovanna Maglie, Libero, 2-9). Un po’ come i due pescatori indiani fucilati per sbaglio dai nostri marò. Che due marò/2. “Un marò sta male. Pinot-ti e Mogherini: ‘Devono tornare’” (Repubblica, 2-9). Anche quello che sta bene: questa sì che si chiama prevenzione sanitaria.   Che due marò/3. “Marò, mai più missioni anti-pirati se non si risolve il caso” (Libero, 4-9). I pescatori di tutto il mondo ringraziano.   Numero maledetto. “Gli avvocati delle dive affilano le armi dopo il maxifurto di foto da iCloud. Vip, la carica delle 101 per riprendersi i selfie osé rubati” (Repubblica, 2-9). Dai che forse viene fuori pure il selfie dei 101 franchi tiratori di Prodi.   Pratico di male. “La diplomazia internazionale può ancora imparare da Berlusconi… l’unico che ha cercato di difendere gli interessi dell’Italia… Piaccia o non piaccia, è indiscutibile che Berlusconi a Pratica di Mare aveva ottenuto un risultato storico per la distensione mondiale… Purtroppo l’idea provocatoria di Berlusconi agli Esteri non si verificherà, ma che passi avanti farebbe la diplomazia internazionale se avesse la forza di recuperare almeno un po’ di quello spirito che vedemmo a Pratica di Mare” (Mario Giordano, Libero, 4-9). Uahahahahah.   Renzocrazia. “Impossibile dire che le decisioni calano dall’alto. Qua c’è una squadra che lavora a stretto contatto con l’esecutivo Il governo si occupa di infrastrutture? Intervengo io che sono la responsabile Infrastrutture. C’è la riforma della scuola? Ecco Faraone, responsabile Scuola. Parliamo di un metodo nuovo” (Debora Serracchiani, governatore del Friuli Venezia Giulia, vicesegretario e responsabile Infrastrutture del Pd, Corriere, 4-9). Poi Renzi, dal basso, va a prendere ordini da Draghi.   I veri problemi. “No alle bici contromano, frenata del governo. Il ministro Lupi: è un rischio” (Corriere, 6-9). C’è la riforma delle bici in contromano? Ecco Lupi, responsabile Bici in Contromano. Parliamo di un metodo nuovo.   Ite missa est/1. “Love story a Taormina: cacciato il parroco, le chiese restano chiuse. Accusato di avere l’amante, consegna le chiavi. Funzioni sospese da quattro giorni” (Repubblica, 5-9). Le famose messe eleganti.   Ite missa est/2. “La richiesta di Lady Matacena: ‘A messa tutte le mattine’. No del Gip” (Corriere, 6-9). Vedi sopra.   -ite, missa est. “Renzi: non soffro di annuncite” (Corriere, 2-9). “Riformite, noi non siamo malati” (nuovo sito del governopasso  dopopasso.it  , 2-9). “Renzi lancia il suo piano scuola: sarà la fine della ‘supplentite’” (Corriere, 3-9). Perchè non si dica che parla l’inglese peggio dell’italiano.

Da Il Fatto Quotidiano del 08/09/2014. marco travaglio via triskel182.wordpress.com

I commenti sono chiusi.