Mauro Lazzarin basta chiudiamo il negozio di bicicletta ora facciamo solo produzione troppi furti

cicli lazzarinTroppi furti in negozio, chiudo tutto»
Lazzarin: la solidarietà non basta più

Tre spaccate in un anno, il titolare: «Colpi su commissione»
Continuerà la produzione di biciclette e componenti per aerei

PADOVA – «Sono esasperato dai continui furti e ho deciso di chiudere l’attività». La decisione è di Mauro Lazzarin, 54 anni, di Terrassa (Padova), socio della Cicli Lazzarin, che da anni opera nel settore della commercializzazione di biciclette. La scorsa settimana il negozio situato all’ingresso della zona artigianale di Terrassa era stato oggetto dell’ennesimo assalto notturno, che ha fatto scattare la decisione del titolare.

«Quella della scorsa settimana è stata la terza spaccata nel giro di un anno» afferma Lazzarin «si tratta probabilmente di furti su commissione, che hanno inciso in modo pesante sul bilancio dell’attività commerciale, spingendomi alla drastica decisione di chiudere il negozio. Le istituzioni si limitano alla solidarietà, ma dicono di essere con le mani legate per il patto di stabilità, così come le forze dell’ordine che non possono essere dappertutto. Il mio negozio è dotato di un sofisticato sistema di allarme, ciononostante i furti si sono ripetuti con frequenza impressionante».

I fratelli Lazzarin alla attività commerciale affiancano la produzione di telai in carbonio, che hanno reso lo show room di Terrassa punto di incontro e di ritrovo per molti appassionati delle due ruote, che certo saranno dispiaciuti della scelta di chiudere. «So bene che verrà meno un riferimento per i ciclofili» dice Lazzarin «ma non è pensabile che debba sostenere le perdite dell’attività commerciale legate alle spaccate notturne con i proventi dell’attività produttiva, né che per difendere il negozio sia costretto a dormire in negozio, come qualcuno mi ha consigliato».

La produzione invece proseguirà. Oltre alle biciclette, i Lazzarin sono infatti attivi nella produzione di componenti per l’industria areonautica militare e civile. Tra breve dunque lo show room di Terrassa chiuderà i battenti per sempre, a meno di un ripensamento del titolare: ma, a vedere i cartelli che annunciano la cessazione dell’attività, sembra improbabile.

di Nicola Benvenuti da gazzettino.it

I commenti sono chiusi.