Melandri Ok Biaggi Ko video della rissa di Donington

Donington Park – Biaggi, un weekend che più nero è difficile

Il pilota romano sbaglia praticamente tutto lo sbagliabile in occasione della terza tappa del Mondiale di Superbike a Donington Park, dove nel weekend si è disputato il Gp d’Europa.
Weekend da dimenticare per Max Biaggi a Donigton Park, sede del GP d’Europa, terza prova del Mondiale Superbike “monogommato” Pirelli. Il campione del mondo è incappato in una serie di piccoli errori che gli hanno impedito di rimontare sul gruppo di testa e ha concluso al settimo posto la prima gara. Nella seconda, invece, scattato in anticipo alla partenza e quindi costretto dal regolamento ad un ride-through (passaggio in corsia box a bassa velocità). Impegnato nel tentativo di rimonta, Max non ha visto le segnalazioni dal muretto e si è dovuto quindi fermare per squalifica, chiudendo in anticipo il suo weekend.
“Mi sono accorto di essermi mosso in griglia – le prime parole di Max dopo Gara2 – quindi sapevo bene che la mia gara sarebbe stata compromessa. Ho tentato di spingere da subito per recuperare, ma ho perso concentrazione per questo errore perdendo varie posizioni. Purtroppo non ho visto le segnalazioni dal muretto, quando sei nel gruppo capita. Mi dispiace molto per il Team, due risultati al di sotto delle aspettative non devono rovinare quanto di buono fatto finora. Anzi, questo è il momento nel quale dobbiamo essere uniti, imparando anche da queste giornate storte. Il campionato e’ ancora lungo, avremo modo di rifarci”.
Guardate un po’ cosa è successo subito dopo la Superpole di sabato…

Visibilmente soddisfatto, invece, il suo compagno di squadra, Leon Camier, al suo quarto podio in sella alla Aprilia RSV4: “E’ stato davvero un buon weekend per me, dopo la falsa partenza in Australia. E’ brutto prepararsi tanto durante l’inverno e poi non essere nelle migliori condizioni al momento dell’esordio. Fortunatamente qui mi sono sentito in forma da subito, ho lavorato al meglio con il mio Team per preparare queste due gare ed i risultati ci danno ragione. Peccato per Gara2, un piccolo problema ai freni mi ha impedito di giocarmela con Marco Melandri ma ciò non rovina la gioia per il terzo posto. Voglio ringraziare il mio Team, ovviamente, oltre al caro amico Keith Code che mi ha seguito e aiutato molto

I commenti sono chiusi.