Melandri su Yamaha vince gara 1 di Donington in Superbike

Melandri brilla a Donington, Biaggi cede
Lo scontro con Max Biaggia avrà dato la carica a Marco Melandri, convinto che l’appuntamento con la prima vittoria in Superbike era dietro l’angolo. Così è successo. A Donington, in una gara che vede clamorosamente in affanno i due protagonisti delle gare australiane, con il solo Carlos Checa in grado di rimediare nel finale a una partenza non proprio perfetta, emerge prepotente la classe dell’ex vice iridato di MotoGp.

Checa sorride, Biaggi no – Gara che vive non solo dell’assolo del ravennate, magistrale nel puntare ogni avversario come su un caccia pronto a sferrare il suo affondo; ma anche della grinta agonistica dei piloti di casa, purtroppo ancora sfortunati sul passo gara, o fuori come Tom Sykes tradito dalla sua Kawasaki. Alla fine l’altro protagonista risulta Jakub Smrz, che conduce la sua 1098R in maniera più efficace anche dello stesso Checa, che però ritrova smalto e rabbia rimediando un ottimo terzo posto se paragonato al settimo del rivale Max Biaggi.

Biaggi opaco – Sarà stata la tensione accumulata nel battibecco con Melandri, o una moto non perfetta sull’asfalto plumbeo di Donington, Max Biaggi è stato l’ombra di se stesso nell’occasione. Tra errori, imperfezioni e poca velocità; il corsaro si è perso tra i curvoni d’asfalto, risucchiato anche dalla cattiveria agonistica dei piloti di casa. Lo stesso Leon Camier, in evidenza nella prima parte di gara, ha cercato di portare l’Aprilia verso al prima vittoria stagionale, ma ha anche pagato la pressione. Diverso il discorso per l’altro atteso Leon Haslam, probabilmente ancora in deficit di gomme verso le fasi finali, giunto quarto. Il britannico ha provato a difendere la propria posizione da podio, ma si è dovuto piegare all’inviperito Carlos Checa, che ha ridotto i danni e consolidato il primato nella serie. Da registrare il quinto posto di Jonathan Rea, ancora lontano dalla miglior condizione, e l’uscita di scena di Fabrizio ma anche quella spetatcolare di Eugene Laverty che perde una gomma in corsa. Intanto Melandri inizia a farsi vedere dietro il codone del leader spagnolo.

M. T. da sportitalia.com

I commenti sono chiusi.