Michele Serra l’Amaca del 28 gennaio 2013 gli adulti compulsivi e i social network

michele serra 2L’AMACA del 28/01/2014
Il columnist americano che ha appena criticato il borbottio degli adulti contro i social network non ha evidentemente contezza dell’uso compulsivo che proprio gli adulti, specie gli adulti di potere, fanno di quei media. Miei attempati colleghi, specie maschi, alimentano tutto il santo giorno su twitter un notevole rosario di minchiate, pensierini salaci, batti e ribatti minimi, scherzi spiritosi, dispute spesso ai confini dell’oltraggio, salvo poi offendersi perché uno gli ha dato del pirla, e ritrarsi indignati. Fanno lo stesso fior di leader e viceleader, non paghi della loro onnipresenza televisiva, radiofonica e cartacea, vedi il convegno (in 140 battute) sull’eredità craxiana nell’epoca di Renzi, protagonisti Brunetta, Sacconi e il figlio Bobo, cose tipo “io ti dico che è proprio così” e l’altro che gli risponde “e io ti dico di no”, e il terzo che li tacita entrambi in attesa che un quarto e un quinto vadano avanti con quei pater-ave-gloria. Una giaculatoria, un brusio.
Ne approfitto per dire che se non twitto e non facebucco è perché mi pare di disturbare già fin troppo qui così, in questa forma quotidiana e quadratina. Figurarsi se mi metto a digitare cicicì e ciciciù. Se ho 140 battute che mi urgono le metto da parte, piuttosto, per la vecchiaia.

Da La Repubblica del 28/01/2014. Michele Serra via triskel182.wordpress.com

I commenti sono chiusi.