L’attrice francese Annie Girardot muore a 79a nni

MORTA ANNIE GIRARDOT, ICONA DEL CINEMA FRANCESE

L’attrice francese Annie Girardot e’ morta all’eta’ di 79 anni. Dal 2006, la Girardot soffriva del morbo di Alzheimer. Annie Girardot si e’ spenta stamane all’ospedale di Lariboisiere di Parigi. Nel 1962, l’attrice francese aveva sposato l’attore italiano Renato Salvatori, suo partner in ‘Rocco e i suoi fratelli’. Dal matrimonio nacque Giulia, il 4 di luglio del 1962 a Roma.

Allieva al conservatorio di Rue Blanche (Scuola nazionale superiore delle arti e delle tecniche del teatro), dal 1949 recita nei cabaret (La Rose Rouge, a Montmartre, con il nome di Annie Girard, o al Lapin agile…) e contemporaneamente partecipa a riviste, come Dugudu con la compagnia di Robert Dhery. Nel luglio 1954 esce dal conservatorio con due premi ed e’ ingaggiata poco dopo alla Comedie Francaise. La sua interpretazione in ‘La machine a’ ecrire’ nel 1956, al fianco di Robert Hirsch, e’ notata in particolare da Jean Cocteau, che vede in lei “il piu’ bel temperamento drammatico del dopoguerra”.

Comincia a recitare nel cinema nel 1956, quando debutta nel film ‘Tredici a tavola’, per il quale vince il Prix Suzanne Bianchetti, mentre nel 1977 ottiene il Cesar Award come miglior attrice, per la sua interpretazione nel film ‘Docteur Francoise Gailland’.
Appare nel film del 1960 ‘Rocco e i suoi fratelli’ di Luchino Visconti, dove interpreta una prostituta sexy, passionale, imprevedibile e affascinante. La sua personalita’ vince sul debole Rocco, interpretato da Alain Delon, mentre la sua bellezza mette in atto la disputa tra Rocco e suo fratello maggiore Simone, interpretato, con un mix di semplicita’ e depravazione, da Renato Salvatori, destinato nella realta’ a diventare suo marito. La Girardot e’ stata diretta, tra gli altri, da Mario Monicelli (“I compagni” – 1963), da Marco Ferreri (“La donna scimmia” – 1964), da Luigi Comencini (“L’ingorgo” 1979), da Claude Lelouch (“Vivere per vivere” 1967), da Giuseppe Patroni Griffi (“Metti una sera a cena” 1969), da Roger Vadim (“Il vizio e la virtu'” – 1963). Nel 2002 viene premiata con il Cesar per la migliore attrice non protagonista per “La pianista” di Michael Haneke, con il quale torna a recitare quattro anni dopo in “Niente da nascondere”.

Il 21 settembre 2008 il periodico francese Paris Match ha rivelato che Annie Girardot soffre del Morbo di Alzheimer. La figlia Giulia Salvatori ha girato un documentario in cui vengono svelati i retroscena dell’ultimo set, con la necessita’ dei suggerimenti all’attrice poiche’ questa non riesce piu’ a ricordare le battute.

da AGI.IT

I commenti sono chiusi.